ELI.B l’opera d’arte da indossare

ELI.B, un modo di essere e di vivere la moda unitamente all’arte e alla massima personalizzazione dell’opera da indossare.

ELI.B è una stilista, designer è sicuramente artista. È la firma della collezione che il 25 novembre ha sfilato a Budapest al Fashion week ricordando la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Nell’occasione gli abiti erano da shock, una continua provocazione. Macchie rosse a ricordare il sangue e bersagli posti sul cuore della modella. Perché è mettendo in strada ogni giorno il problema che lo si può affrontare quotidianamente senza l’ipocrisia di dedicare una sola giornata a una malattia che va curata nelle menti e nella cultura di ognuno di noi.

Ed è così che la linea di ELI.B prende forma e si trasforma anche in base a chi indossa quell’abito e con l’ausilio e la collaborazione di artisti, la strada diventa una galleria dove le opere d’arte sono esposte sui corpi delle donne.

Ci insegna anche che non è solo la donna filiforme a dare forma a un abito, ma è proprio la donna curvy che dimostra l’abilità dello stilista, e con ELI.B si ha la possibilità di farsi disegnare il proprio abito in base alle proprie inclinazioni e preferenze.

Dal taglio al colore al disegno

“Volevo portare un messaggio che uscisse al di fuori di quello che è l’abito” racconta ELI.B ricordando del fashion week di Budapest novembre ’21. “È stato molto preso in considerazione ed ha avuto molto successo e molto seguito.” A questo proposito voglio segnalare l’articolo uscito su Glamour. “Il capo che ha avuto maggiore successo è una t-shirt con un mirino sul cuore su cui poi è simboleggiata la donna che viene colpita. Le modelle avevano anche una sorta di bavaglio su cui era scritto shut up che si toglievano man mano che camminavano. A simboleggiare che la donna si toglie un po’ questo non diritto a esprimersi e decide finalmente di parlare e di dire ciò che vuole…”.

La collaborazione con Mariella Gentile

“La collaborazione con Mariella Gentile nasce dal fatto che abbiamo la stessa passione. Lei è una artista e io una designer… Mariella è una pittrice contemporanea è un giorno, trovandomi di fronte a uno dei suoi quadri, è nata la voglia di usare i miei abiti come una tela per scrivere, disegnare ed esprimersi e per far esprimere quella che è la sua arte e che più si avvicina quella che è la mia”.

Tra le particolarità della collezione ELI.B c’è un virtual tour. Sul sito dell’artista è possibile visitare gli abiti come esposti in un galleria d’arte. Una visita tra musica ed effetti molto accattivanti che fanno immergere il visitatore in un mondo straordinario. Consiglio l’ascolto dell’intervista completa a ELI.B e di visitare il suo sito dove è possibile contattarla per ricevere informazioni anche per un abito creato appositamente per chi lo richiede, andando al di là delle semplici misure, per farsi creare la propria personale opera d’arte.

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: