Joan Quille, la principessa rock

Un’anima rock-elettronica per Annalisa Mazzolari in arte Joan Quille. Una principessa che non ha paura di innamorarsi del drago e vivere la sua vita.

La prima cosa che mi piace è la sua risata, una cascata di glitter argento, sto per dirle che non amo gli pseudonimi, tanto più se stranieri, ma è talmente effervescente, sofisticata e solare che, Joan Quille, è proprio il nome adatto a lei.

Ventiduenne bresciana, Joan Quille si è laureata in Filosofia, a Trento e ora ha le valige pronte per andare a Milano, una nomade che si arricchisce dei rumori del mondo per metterli nei suoi testi.

Probabilmente non ricorda un giorno senza musica, dato che il primo palcoscenico lo assaggia a 4 anni. A 7 comincia i primi studi di pianoforte, nel frattempo segue studi su musica leggera e lirica, ottiene la certificazione al Conservatorio di Bergamo e poi continua con il pianoforte al conservatorio di Brescia Luca Marenzio.

Laurea triennale in filosofia e ora, Annalisa Mazzolari è pronta per andare a Milano e impegnarsi nella magistrale.

Filosofia e musica per Joan Quillle

“Credo che studiare allarghi la mente!”, hai detto niente Jaon Quille, e di certo tu vuoi un grande spazio nel mondo!

Sette brani del suo album scritti dall’artista in collaborazione con Valerio Gaffurini e Alessandro Ducoli. Il singolo omonimo, Joan Quille, è accompagnato da un videoclip nato in collaborazione con i ragazzi dell’indirizzo specialistico NEW MEDIA 1* Anno dell’Accademia Belle Arti SantaGiulia (BS). «È stata un’esperienza davvero stupenda – racconta l’artista – durante la quale ho avuto modo di divertirmi grazie al clima che si è creato all’interno del fantastico team di ragazzi».

Ecco l’intervista per la #WebRadioSenzaBarcode.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: