Tutela dei minori e affido familiare. 9 mln da Regione

Approvato dalla Giunta Zingaretti il primo Regolamento per l’affido familiare della Regione Lazio.

“Per la realizzazione degli interventi a tutela dei minori previsti dal Regolamento, la Regione ha a disposizione 9,2 milioni di euro, ovvero il 40% dei finanziamenti del Fondo Nazionale per le politiche sociali. Con la deliberazione appena approvata la Regione Lazio disciplina finalmente le regole in materia di affidi, conferendo un ruolo primario ai distretti socio-sanitari. Queste strutture dovranno dotarsi di uno specifico servizio distrettuale con il compito di coordinare le équipe dei servizi sociali territoriali, integrate con il personale delle Asl. Così si realizza finalmente una rete uniforme nel Lazio che si fa carico delle situazioni familiari più vulnerabili”.

A dichiararlo l’assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli.

Il Regolamento individua responsabilità, funzioni e compiti affinché gli interventi siano omogenei

Lo scopo è facilitare il raccordo tra il Servizio Distrettuale per l’affidamento e tutti gli attori del percorso di affidamento familiare, garantendo l’interesse dei minori. La Regione stabilisce, nell’ambito della programmazione finanziaria annuale dei Piani di Zona, l’ammontare del finanziamento da assegnare al servizio Distrettuale per l’affidamento familiare. Stabilisce la dotazione organica del personale, programma gli eventi formativi e di supervisione, ed esercita la funzione di monitoraggio.

“L’affido – spiega l’assessore Troncarelli – è inteso come un’azione di solidarietà da parte della comunità sociale nei confronti di un bambino momentaneamente privo di un ambiente idoneo in cui crescere. Una misura – conclude Troncarelli – necessaria per aiutare i nuclei familiari a superare un periodo di difficoltà, investendo sul recupero delle capacità genitoriali da un lato e garantendo un sano sviluppo per i bambini dall’altro”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: