Napoli insozzata dai rifiuti, al Teatro Lo Spazio

In una Napoli in una sorta di Day After un cumulo di rifiuti sovrasta e avvolge la scena. Napoli insozzata dai rifiuti che l’affogano, la Napoli della terra avvelenata che non conosce più porti franchi, ma che è giunta anche nella nostra quotidianità.

Al Teatro Lo Spazio dal 20 al 24 novembre debutta Rifiuti, di Roberto Russo, regia di Gianni de Feo, con Sergio di Paola, Imma Pagano, Ida De Rosa, Lorenzo Russo. In una Napoli in una sorta di Day After un cumulo di rifiuti sovrasta e avvolge la scena. La Napoli insozzata dai rifiuti che l’affogano, è la Napoli della terra avvelenata che non conosce più porti franchi, ma che è giunta anche nella nostra quotidianità. Uno spettacolo su una tematica urgente e drammatica come quella dei rifiuti che intossicano l’aria, l’acqua e la terra di Napoli e provincia.

“Un cumulo di rifiuti domina la scena invadendola con il suo gravoso insieme di pezzi – afferma l’autore Roberto Russo –  frammenti di una società occidentale infartuata. L’uomo, seduto in cima ad una sorta di arca, pare dormire in una quiete irreale. La donna che gli si avvicina è gentile, formale, e la rassicurante buona educazione di Loise (questo è il suo nome), fa da contro altare ad un impianto scenico surreale. L’uomo, richiamato dalla donna, si sveglia ed il loro incontro ha l’incedere della commedia acida, secca e nervosa che strappa la risata e che, nello stesso tempo, inquieta. In questo scenario si palesano a tratti delle presenze minacciose: sono Ombre, anime perdute, che negano qualsiasi forma di riscatto e di Bellezza.

Da quale mondo provengono questo attore, Jacco, dal carattere apparentemente cinico e scontroso e questa donna che pare essersi persa non si sa come e dove?

Di quale realtà fanno parte? Lui, a prima vista, sembra un clochard che ha fatto la scelta di vivere al di fuori delle convenzioni… ma è davvero così? Lei sembra solo un po’ confusa, una borghese un po’ snob ma concreta nel rivendicare le proprie origini e i propri luoghi di elezione… ma è davvero tale? Tutte le risposte si trovano nel luogo, nell’identificazione precisa di quel luogo che non è una creazione surreale, ma è drammaticamente reale, è la Napoli dei nostri giorni. La Napoli insozzata dai rifiuti che l’affogano, è la Napoli della terra avvelenata che non conosce più porti franchi, ma che è giunta anche nella nostra quotidianità.

È la Napoli, la Campania, delle mille false promesse, dalle centomila speculazioni, dalle tante Camorre e da un Male culturale che serpeggia dovunque, dal salotto borghese, ai palazzi del Potere, fino ai vicoli bui. Siamo (e lo sveleranno i personaggi nello svolgersi del loro incontro-scontro) in una sorta di DayAfter: la città è stata abbandonata, nulla più vive, le stesse falde acquifere sono ormai avvelenate e i nostri due personaggi sono gli unici sopravvissuti. I motivi che li hanno spinti a restare sono molto diversi: la donna è talmente abituata al suo habitat da non voler né vedere, né comprendere quanto è accaduto e, nelle sue parole, pare riproporre un tentativo schizofrenico di “normalità”.

L’uomo è rimasto per scelta. In lui c’è il tentativo di ricomporre una propria memoria, che poi è anche la memoria della città, attraverso degli scritti, delle poesie che, ormai libere dal confusionario ed approssimativo folklore, appaiono per ciò che sono: cuore, speranza, desiderio di ripartire da zero dalle parole dei poeti e dai veri sentimenti della gente. Il tesoro dell’uomo è fatto di frammenti, fogli custoditi in una scatola di legno e mandati a memoria, da recitare al Nulla ed al Tutto, alla Storia e alla Povera Cronaca.

È il primo giorno della Creazione per una nuova Pompei, chiamata Napoli, travolta non dal Vulcano ma dalla propria stessa indifferenza

“Rifiuti” non è soltanto il cumulo che appare enorme e pressante sulla scena, è anche il “no” urlato ad una falsa società del benessere, è anche la chiusura ad ogni tipo di rapporto dopo tanto parlare a vanvera in nome di un’inesistente normalità. “Rifiuti”, e tutto ciò che è scarto, appare come essenza, monito e punto di arrivo”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: