Il Cantiere. Filosofia, bellezza, cultura, politica e oltre, in costruzione

Il cantiere è il luogo ove avvengono le creazioni, dove qualcosa che prima era una idea diviene realtà. La filosofia della politica è il fulcro del sistema. La bellezza è il mezzo con la quale rivedere l’intera nostra esistenza.  Il Cantiere è aperto.

Domenica 9 marzo, presso l’Hotel Villa Maria Regina, in Via della Camilluccia n° 687, ho visto il fermento. L’entusiasmo, il dire col fare, la bellezza, la cultura, l’arte la politica e l’oltre. Tutto concentrato, ma non “stipato”, nella prima assemblea de Il Cantiere. Si presenta come “Associazione di cultura politica” dal loro sito Il Cantiere, ma l’oltre era quasi palpabile.

E’ incoraggiante, se non addirittura tranquillizzante, sapere che posti come Il Cantiere esistono, luoghi in cui una cultura, complessa ed accessibile, si affianca alla curiosità, alle domande anche quelle che possono sembrare banali. La filosofia è qualcosa di astratto, intangibile ma consistente, leggera nella sua forma immateriale ma solida base ove costruire. E la bellezza, mezzo, o meglio impegno, con la quale affrontare ed uscire dall’attuale crisi, “la possibilità di esprimere una proposta politica per uscire dalla crisi attraverso l’arte e la bellezza, in tutte le varie sfaccettature” Politica intesa come Polis, città. Politica come qualcosa della quale innamorarsi, dove tuffarcisi e prendere a piene mani spunto di riflessione, di studio ma specialmente le domande da essa scaturite.

Abbiamo intervistato Fabio Verna, presidente onorario de Il Cantiere. Nessuna distinzione, discriminazione o pregiudizio ma desiderio di condivisione ed educazione e la comprensione che l’arte è anche una opportunità ed una risorsa economica.

Il nostro obbiettivo lo abbiamo definito “altro”, noi parliamo del “nuovo possibile”. Il nostro presidente, Pier Paolo Segneri, ha tracciato una srie di linee guida di grande interesse, abbiamo voluto nel nostro direttivo persone e personalità autorevoli e con competenze tra di loro disomogenee così che ognuno di noi porta il suo sentire, questo è fatto ai fini e spirito di servizio… ciascuno di noi ha già appagato le propri ambizioni personali.

[youtube]https://youtu.be/otNBU4yUlQ4[/youtube]

Con Pier Paolo Segneri, Presidente de Il Cantiere e Carlo Prinzhofer continua la nostra chiacchierata, che perde i profili di una intervista per trasformarsi in uno scambio di idee e concetti. Un buon modo per fare politica!

Il cantiere in realtà è un pensatoio, un laboratorio, quindi è il luogo della filosofia della pratica è la filosofia della politica. Dentro al cantiere succede che la bellezza si vive – dice Segneri. Una risposta corretta, più chiara ed esaustiva possibile, deve avere una domanda corretta continua Prinzhofer.

Allora chiedo: “la consapevolezza della bellezza, crea serenità e stabilità?” mi guardano e rispondono subito… Forse la domanda era proprio corretta, perché la risposta è decisamente molto bella!

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=QqPYL-fS340[/youtube]

Avevo l’impressione di far parte di un momento importante, non solo per Il Cantiere e le persone presenti – molte e talmente differenti tra loro da creare perfetta armonia – ma proprio della società e di quella politica che affascina, politica alla quale ricorrere e costruire.

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

4 pensieri riguardo “Il Cantiere. Filosofia, bellezza, cultura, politica e oltre, in costruzione

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: