Roma, piano pullman turistici esigenza che Marino deve affrontare

Pullman Turistici, Cantiani «Marino I “L’immobile” attui con convinzione modifiche piano che abbiamo proposto». Comunicato stampa

«Visto che Marino I “l’immobile” proprio non riesce ad affrontare con un minimo di cognizione di causa le esigenze della città, prenda nota delle proposte che arrivano responsabilmente dall’opposizione. Oggi, ad esempio, abbiamo presentato le modifiche al piano pullman turistici, per rendere efficace la gestione di un settore che ha un impatto importante sulla città».

Lo dichiara il consigliere di Roma Capitale Roberto Cantiani

«È vitale tutelare i siti turistici di maggior interesse da una invasione dei grandi pullman e da un eccessivo traffico – spiega – Per questo motivo diventa necessario proibire la circolazione dei mezzi che trasportino oltre 30 persone, nelle zone centrali; trasformare le attuali due fasce orarie dei permessi di accesso in tre differenti fasce: dalle 6 alle 8, dalle 9 alle 16 e dalle 17 alle 21.; incentivare l’accesso dei piccoli pullman turistici fino a 30 posti con uno sconto del 10% sulle tariffe ztl; dotare la città di un piano per i servizi navetta per l’ingresso in città dei turisti che vengono dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino e dal porto di Civitavecchia, individuando dei nodi di scambio fuori dall’anello ferroviario e in corrispondenza con le fermate della metro.

E ancora. Proponiamo la modifica delle aree previste per la sosta e salita/discesa dei pullman; l’eliminazione e il potenziamento della ricettività di aree strategiche; l’introduzione del Roman Touristic Ticket, un progetto che prevede la possibilità di acquistare biglietti per il trasporto locale con un notevole sconto, contestualmente all’acquisto dello Ztl. Non solo. Destinando il 5% del ricavo totale dell’introito dei permessi Ztl all’abbattimento delle barriere architettoniche sui luoghi di interesse culturale e turistico, sarà possibile dare un sostegno concreto per i disabili, puntando a un turismo davvero senza barriere»

 «Forse non troppo avvezzo a questa concretezza – conclude Cantiani – Marino si studi la proposta, la valuti e dopo di che la attui con convinzione. Roma ha bisogno di interventi veri, non di iniziative spot che non portano alla città quella crescita, quello sviluppo che una Capitale mondiale merita di avere. È finito il tempo delle belle intenzioni»

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Un pensiero riguardo “Roma, piano pullman turistici esigenza che Marino deve affrontare

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: