Cronaca

Cangemi: David Tobini, combattente senza pace sulla pelle di una madre

Roma, Cangemi (Ncd) «Marino trovi immediatamente soluzione per sepoltura David Tobini»

«Marino vergogna. La sceneggiata per trovare una degna sepoltura al paracadutista della brigata Folgore, caporal maggiore David Tobini, caduto in uno scontro a fuoco in Afghanistan, è una barzelletta che non fa ridere, sulla pelle di una madre che al dolore della perdita di un figlio deve aggiungere la rabbia per la sistematica presa in giro che sta subendo da questa amministrazione, che definire ridicola è un eufemismo».

E’ quanto dichiara il consigliere Ncd della Regione Lazio, Giuseppe Emanuele Cangemi.

«Già dobbiamo convivere con le tante inefficienze conclamate e comprovate quasi quotidianamente, il dover assistere però a silenzi e promesse non mantenute – prosegue – è assurdo. Soprattutto quando di tratta di dare degna sepoltura a un militare che ha pagato col più altro tributo il suo servizio alla Patria. Marino di fronte a una madre che attende una risposta, un gesto, un riscontro alla richiesta di poter costruire una piccola cappella per il figlio David Tobini, temporeggia, non si presenta, manda i suoi collaboratori, si fa negare anche se in Campidoglio. Peggio ancora però il suo nascondersi dietro motivazioni procedurali o di verifiche».

«Marino, di fronte alla morte di un ragazzo di 28 anni e al dolore di una madre, questa pantomima non regge. Trovi immediatamente una soluzione – conclude Cangemi – senza se e senza ma a una vicenda irrispettosa della memoria di un combattente caduto. E trovi il coraggio di presentarsi ad Anna Rita – mamma di David Tobini – per illustrarle le soluzioni trovate, da uomo prima che da sindaco. Questi silenzi sono indegni»

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

2 pensieri riguardo “Cangemi: David Tobini, combattente senza pace sulla pelle di una madre

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!