Cangemi: David Tobini, combattente senza pace sulla pelle di una madre

Roma, Cangemi (Ncd) «Marino trovi immediatamente soluzione per sepoltura David Tobini»

«Marino vergogna. La sceneggiata per trovare una degna sepoltura al paracadutista della brigata Folgore, caporal maggiore David Tobini, caduto in uno scontro a fuoco in Afghanistan, è una barzelletta che non fa ridere, sulla pelle di una madre che al dolore della perdita di un figlio deve aggiungere la rabbia per la sistematica presa in giro che sta subendo da questa amministrazione, che definire ridicola è un eufemismo».

E’ quanto dichiara il consigliere Ncd della Regione Lazio, Giuseppe Emanuele Cangemi.

«Già dobbiamo convivere con le tante inefficienze conclamate e comprovate quasi quotidianamente, il dover assistere però a silenzi e promesse non mantenute – prosegue – è assurdo. Soprattutto quando di tratta di dare degna sepoltura a un militare che ha pagato col più altro tributo il suo servizio alla Patria. Marino di fronte a una madre che attende una risposta, un gesto, un riscontro alla richiesta di poter costruire una piccola cappella per il figlio David Tobini, temporeggia, non si presenta, manda i suoi collaboratori, si fa negare anche se in Campidoglio. Peggio ancora però il suo nascondersi dietro motivazioni procedurali o di verifiche».

«Marino, di fronte alla morte di un ragazzo di 28 anni e al dolore di una madre, questa pantomima non regge. Trovi immediatamente una soluzione – conclude Cangemi – senza se e senza ma a una vicenda irrispettosa della memoria di un combattente caduto. E trovi il coraggio di presentarsi ad Anna Rita – mamma di David Tobini – per illustrarle le soluzioni trovate, da uomo prima che da sindaco. Questi silenzi sono indegni»

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

2 pensieri riguardo “Cangemi: David Tobini, combattente senza pace sulla pelle di una madre

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: