Concordia: De Lillo (PdL) “Bene giro, ora portare Concordia a Civitavecchia”

Concordia. Comunicato stampa del Gruppo PdL della Regione Lazio, ricevuto il 5 novembre 2013.  Dichiarazioni il consigliere Pdl della Regione Lazio, Fabio De Lillo

PDL

«Ogni iniziativa volta ad assicurare lo smantellamento della Costa Concordia presso il porto di Civitavecchia è da salutare positivamente e il sostegno che arriva dal senatore Giro è pienamente condiviso. Civitavecchia è una realtà infrastrutturale di primario rilievo nel mar Tirreno, viene utilizzata regolarmente da questo genere di navi e, quindi, è rispondente ai requisiti necessari all’accoglienza e smaltimento del relitto consentendo, peraltro, notevoli risparmi e contenimento dei costi rispetto ad altri porti».

 E’ quanto dichiara il consigliere Pdl della Regione Lazio, Fabio De Lillo.

 «Piombino – spiega – unico altro porto vicino al luogo del naufragio, per accogliere il relitto dovrebbe essere oggetto di interventi di adeguamento per 160 milioni di euro, cifre che in un momento di spending review devono essere preservate in ogni modo. Il consiglio regionale si è già chiaramente espresso in questo senso, votando una mozione che mi ha visto primo firmatario, e ha impegnato il presidente Zingaretti a porre in essere ogni intervento necessario a garantire che la Concordia arrivi in banchina a Civitavecchia».

 «Questo non solo al fine di creare posti di lavoro in un settore imprenditoriale altamente qualificato come quello della cantieristica navale, ma anche e soprattutto – conclude De Lillo – per assicurare quegli innegabili risparmi che deriverebbero dalla demolizione in un porto già attrezzato per questo genere di grandi interventi»

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: