Il Percorso affettivo sessuale

La vita sessuale ma, in egual misura quella affettiva, sono ancora considerate dei tabù perché si pensa sia meglio evitare il discorso per non svegliare il can che dorme

Ma il cane, almeno che non sia morto, prima o poi si muove e si sveglia per cui è meglio che ci svegliamo noi, inteso come comunità normotipica, per trovare degli argomenti nei quali muoverci e cominciare a fare delle considerazioni in merito. Prima di arrivare al risveglio sessuale del nostro caro con disabilità bisogna fare un percorso di preparazione perché l’adolescenza non arriva in un giorno ed è quindi fondamentale per loro, e per noi, costruire un programma di crescita che contempli la sessualità e l’affettività.

Si può cominciare quindi a capire quale genere preferisce. Dare per scontato che siccome è maschio possa desiderare una vita sessuale con una donna non va bene. Cominciamo quindi a capire, da soli o con l’aiuto di personale qualificato esterno, quali sono gli orientamenti sessuali della persona con disabilità in carico.

Fatto questo bisogna capire anche il coinvolgimento emotivo che la persona con disabilità richiede, vuole e desidera

Leggi anche Sessualità delle persone disabili

L’amore e il sesso ci sono sempre stati comunicati come inscindibili e penetranti. Molto spesso però l’amore e il sesso seguono strade diverse e talvolta non richiedono un coinvolgimento fisico totale.

Nei casi dove la sessualità non è fisica o solo minimamente fisica, ricorrere ad una sex worker potrebbe essere addirittura controproduttivo. Coinvolgiamo ogni persona della famiglia nel discorso sessuale perché è la parte fondamentale del benessere della persona, per cui merita di essere trattato con rispetto, giusto tempo e corretta informazione

Per saperne di più: Reti solidali

Il Percorso a rotelle. Sessuale e affettivo

Emanuela Fatilli

Emanuela Fatilli nata a Busto Arsizio dove tutt'ora vive, nel 1973 é sposata e madre di due figli Giovanni e Giacomo. Lavora presso l'ospedale di Magenta dal 1996 in qualità di Tecnico di Radiologia. Ha pubblicato il suo primo libro, " La casa infestata che non c'era l'albergo aperto", nell'ottobre del 2018 per la casa editrice milanese "Excogita ". Da settembre 2019 collabora con la WebRadio SenzaBarcode come speaker e autore per il programma Disabilità e Benessere.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: