Monte Urano, c’è attesa per la Cena in Bianco

L’associazione L’Alveare Onlus di Monte Urano ha aperto le iscrizioni per la Cena in Bianco, che si terrà sabato 25 agosto in una location segreta.

C’è ancora stretto riserbo sulla location che ospiterà l’edizione 2018 della Cena in Bianco, organizzata dall’associazione L’Alveare di Monte Urano. L’evento si terrà sabato 25 agosto e sarà, come ogni volta, occasione di festa e condivisione. Per chi non sa di cosa si tratta, cercheremo di descrivere le suggestioni e le emozioni che si respirano durante la Cena in Bianco. Centinaia di persone si riuniscono in un luogo a sorpresa, che viene sveato soltanto il giorno dell’evento. La chiave di lettura della manifestazione è la condivisione, e l’unico colore consentito per la tavola e per l’abbigliamento è proprio il bianco.

Un evento di cui l’associazione L’Alveare si fa promotrice, attraverso il rispetto dei valori delle cinque E: Etica, Estetica, Ecologia, Educazione, Eleganza

Ogni ospite della Cena in Bianco apparecchia e imbadisce la propria tavola di bianco, adornandola come si conviene nelle grandi occasioni. I tavoli sono attaccati, per creare un’atmosfera di convivialità e condivisione uniche. Tutto in un luogo inusuale del paese. Al termine della Cena, ognuno sparecchia e porta via i suoi rifiuti. Non deve rimanere nessuna traccia del passaggio degli ospiti nel luogo designato, che dovrà essere lasciato così come lo si era trovato inizialmente. Sono assolutamente bandite stoviglie di plastica e tovaglie di carta. Ogni cosa viene procurata dai partecipanti della Cena in Bianco, a partire dai tavoli. L’obiettivo è quello di rendere protagonista, e non solo spettatore, ogni ospite, celebrare la grande tradizione italiana a tavola, il piacere di stare insieme e il valore del fare qualcosa di bello per sè stessi e per la propria città.

La partecipazione all’evento è gratuita

Per essere protagonista della Cena in Bianco è necessario iscriversi cliccando sul link e seguire tutti gli aggiornamenti sulla pagina Facebook dell’evento. Al termine, chi vorrà, potrà lasciare una piccola offerta per aiutare l’associazione L’Alveare Onlus a sostenere le spese per l’organizzazione della serata.

Giuseppina Gazzella

Classe 1984, marchigiana di nascita, cittadina del mondo per natura. Scrive e canta con la consapevolezza, la voglia e la pretesa di fare meglio ogni giorno, e di crescere sempre, perché sentirsi arrivati equivale all’essere morti.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: