Abusivismo commerciale, Meloni “guerra aperta”

111.200 pezzi sequestrati dalla Polizia Localea novembre Meloni: “Guerra aperta all’industria del falso e all’abusivismo commerciale”.

Prosegue a ritmo serrato la battaglia dichiarata dall’Amministrazione capitolina contro abusivismo commerciale e contraffazione, portata avanti con il supporto quotidiano della Polizia Locale di Roma Capitale. Sono in tutto 111.200 gli articoli illegali, non a norma o contraffatti sequestrati in città durante lo scorso mese di novembre.

I 22.451 controlli effettuati su area pubblica, hanno portato a un totale di 1.007 sequestri amministrativi, 74 sequestri penali e 369 sanzioni comminate a venditori abusivi e possessori di merce contraffatta.

Nel settore beni di consumo, sono stati sequestrati 21.011 pezzi fra giocattoli, oggetti in plastica e legno, libri, bigiotteria e profumeria.

Quanto al comparto alimentare, sono state confiscate circa due tonnellate di cibi

I sequestri più consistenti hanno riguardato due settori: quello della moda, per un totale di 82.300 capi d’abbigliamento, e quello dell’elettronica, per un totale di 7.877 pezzi.

“Insieme agli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale – dichiara Adriano Meloni, assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale – continuiamo la nostra battaglia per la legalità e il decoro cittadino. Nel nostro mirino le bancarelle che ingombrano illegalmente strade e marciapiedi, gli ambulanti abusivi e le merci contraffatte. Nei primi 11 mesi del 2017, sono stati effettuati 188.915 controlli sul commercio in area pubblica, che hanno portato al sequestro di oltre 1.111.200 articoli di dubbia provenienza, non a norma o immessi sul mercato dall’industria del falso.

Sul fronte della lotta all’abusivismo commerciale non abbassiamo la guardia”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: