Teatro Due Roma presenta Alice disambientata

Teatro Due Roma, teatro stabile d’essai, presenta Alice disambientata di e con Ilaria Dalle Donne, 27 – 29 marzo 2015

“Darsi il nome di Alice ci costringe a farci delle domande come la stessa Alice”, la bella creatura di Lewis Carroll “Alice le fa a tutti quelli che incontra”. Darsi per un po’ di tempo il nome di Alice aiuta a descrivere la situazione attuale: interrotta, sospesa immutabile, senza prospettiva, fuori misura.

Riceviamo e pubblichiamo

Regredendo all’origine, all’ingenuità del bambino e dei suoi bisogni e tempi naturali, attraverso la scoperta della comunicazione originaria, non istituzionale, primitiva: il linguaggio del corpo, del gesto, della pelle, dello sport, il racconto di Alice diventa metafora attuale delle cose: un incubo ricorrente che non ci spaventa ma ci lascia un’ eco nelle orecchie di disambientamento, di non riconoscimento, di ricerca del proprio sé.

Dal racconto Di Carroll, l’attrice fa suonare i tasti che stonano, i tasti che non vengono suonati mai: Alice e il suo non stare, lei e la costante ricerca di una casa, lei e la sua identità diversa da quella di ieri, la punizione sociale, l’affetto prima e l’affetto poi, le relazioni, le realtà diverse, l’essere non in sintonia.

Alice si ritrova in un mondo altro creato da lei nel quale gioca, saltella, non può parlare, costruisce non luoghi, percorsi dai quali vorrebbe uscire rincorsa dal tempo che non si ferma. Come in un video games.

Come l’atleta, anche Alice decide quali allenamenti, quali circuiti, quale lotta si ritrova a dover superare, verso la purezza, verso l’affetto primitivo, sul ring per affrontare il suo ultimo corpo a corpo: otto Round per una vita!

Lo spettacolo, finalista del Premio Scenario 2013, nasce da Alice disambientata di Gianni Celati, un saggio che analizza la lotta studentesca del 77-78 a Bologna.

Con la collaborazione di Residenza artistica Anagoor

Con il sostegno di Viva Opera Circus Teatro dell’Angelo

Produzione OperaEstate Festival Bassano.

Ilaria Dalle Donne attrice e performer. Nata a San Giovanni Lupatoto in provincia di Verona. Dal 2005 è stata attrice nelle produzioni di Babilonia Teatri contribuendo all’organizzazione e alla messa in scena degli spettacoli. Dal 2012 ha fatto il proprio salto nel vuoto nel linguaggio teatrale. Sceglie di non darsi un nome altro perché la ricerca che sta svolgendo vuole diventare la sua identità in scena. Movimento dissociato, azione rigorosa e disciplinata come quella di un atleta, parole che vogliono dire scivolando lateralmente a gran velocità come lame affilate che non fanno sentire il dolore del taglio. L’esigenza di recuperare un linguaggio primitivo senza il peso delle forme istituzionalizzate, senza la formalità che ovatta.

Teatro Due Roma teatro stabile d’essai. Vicolo dei due Macelli, 37. Per info e prenotazioni tel. 06/6788259

Orari spettacoli: martedì – sabato ore 21; domenica ore 18. Biglietti: intero: 15 euro, ridotto 12 euro; gruppi 8 euro.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: