Champions League: La Juventus soccombe contro il Bayern

La Juventus è sconfitta 2-0 dal Bayern Monaco, all’Alliance Arena, in occasione dell’andata dei quarti di finale di Champions. La sconfitta per i bianconeri è stata pesante non solo a livello di punteggio con un risultato difficilmente recuperabile, ma anche e soprattutto a livello di gioco, con il Bayern assoluto dominatore della gara.

Champions League: la Juventus soccombe contro il Bayern

Il match è partito subito in salita per la Juventus, che è andata sotto dopo appena 30 secondi con un tiro da 30 metri di Alaba, deviato da Vidal quel tanto da spiazzare Buffon, decisamente non innocente. I bianconeri sembrano reagire bene al gol subito, ma le loro azioni d’attacco mettono poca paura al Bayern e con Pirlo non in giornata la Juventus fa fatica a creare gioco. Nel frattempo si risveglia il Bayern che dà inizio alla sua corsa alla porta bianconera con una serie di azioni da gol clamorose una di fila all’altra. Prima ci pensa Buffon a farsi perdonare almeno in parte l’errore in occasione del gol,  intervenendo efficacemente sul sinistro di Robben (entrato dopo l’infortunio di Kroos) che riceve la palla dallo stesso Barzagli che sbaglia il rilancio. Due minuti dopo il Bayern si rende ancora pericolosissimo: ancora una volta Barzagli perde palla, i tedeschi partono in velocità e Ribery si ritrova da solo davanti a Buffon, ma Bonucci salva tutto mandando in calcio d’angolo. Ed è proprio in occasione del calcio d’angolo che il Bayern va vicinissimo al raddoppio, nuovamente, con Dante che colpisce di testa: la palla è fuori di pochissimo. L’occasione più clamorosa, però, arriva sui piedi di Robben che da ottima posizione mette la palla fuori di poco, commettendo un errore che non gli appartiene. I tedeschi continuano ad attaccare e al 37′ reclamano un rigore per un fallo di Chiellini su Mandzukic: l’arbitro lascia correre, ma l’intervento del difensore bianconero è al limite.

Il secondo tempo inizia esattamente come il primo, il Bayern attacca e al 63′ trova il raddoppio meritato con Muller:  Buffon ancora colpevole, non trattiene una conclusione non imprendibile di Luiz Gustavo, la palla arriva a Mandzukic che la mette subito dentro per Muller che non può sbagliare. Dopo il secondo gol la Juventus sembra svegliarsi dal sonno profondo in cui era stata fino a quel momento ed inizia a farsi vedere dalle parti di Neuer, ma non è mai pericolosa. Conte oltre a ritrovarsi di fronte una squadra incapace di reagire, e fondamentalmente mai entrata in partita, deve fare i conti anche con le ammonizioni di Vidal e Lichtsteiner, che essendo diffidati salteranno la gara di ritorno allo Juventus Stadium. Sono due assenze importanti considerando anche che i bianconeri devono recuperare da un 2-0, contro una delle squadre più in forma del momento.

La Juventus vede interrompere la propria striscia positiva in Europa, mentre il Bayern si riconferma una delle favorite per la vittoria finale, dimostrando una grande solidità, ma mettendo in campo una formazione che sa fare anche del bel gioco. Quel che è certo è che per la squadra di Conte ribaltare il risultato a Torino sarà una vera e propria impresa, ma se ci è quasi riuscita l’Arsenal agli ottavi e per di più fuori casa, perché non dovrebbe farcela la Juventus? Non bisogna disperare, anche se, per chi ci crede, forse sarebbe il momento di pregare.

PSG-BARCELLONA 2-2 – Pareggio in estremis per il PSG, che non può comunque gioire di questo risultato considerando che espugnare il Camp Nau è un’impresa da pochi. Il Barcellona si porta in vantaggio in chiusura di primo tempo con il solito Messi, all’ottavo gol in Champions (2012-2013). Al 79′ risponde Ibrahimovic, portando i francesi sul pari. I blaugrana tornano in vantaggio grazie ad un calcio di rigore realizzato da Xavi, ma sul finale (94′) Matuidi seganil 2-2, con un clamoroso errore di Victor Valdés.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: