Recensione film: Silver Linings Playbook

Silver Linings PlaybookUno dei film più ignorati agli Oscar di quest’anno è stato senz’altro Silver Linings Playbook  -tradotto barbaramente in- Il Lato Positivo. 

Ignorato ingiustamente.

 La trama tratta di un soggetto bipolare che, dopo otto mesi, esce dalla clinica in cui è stato chiuso e cerca di riprendere in mano la sua vita guardando tutto in modo positivo.

 Bradley Cooper e Jennifer Lawrence, protagonisti di questa storia, riescono a creare davvero scintille. Lei, con questa performance, è riuscita ad accaparrarsi il premio Oscar come Migliore Attrice Protagonista.  

E’ un film che mi ha trasmesso parecchie emozioni, sebbene la trama sia piuttosto semplice. La caratterizzazione dei personaggi, così minuziosa ed attenta, riesce a catapultare lo spettatore direttamente nella storia.

La malattia mentale di Pat Solitano -Bradley Cooper- è trasposta sulla pellicola talmente bene che non si può fare a meno di pensare se sia veramente lui, il matto, o le persone che lo circondano.

Credo che l’obiettivo principale di David O. Russell, il regista, sia stato quello di mettere a confronto la vera malattia mentale e le persone, a detta di tutti, normali.

Dico a detta di tutti perché nel film compare anche Robert De Niro, che interpreta la parte del padre di Pat. Il padre è un allibratore e scommette su tutte le partite di football degli Eagles. Credendo fermamente nella fortuna, è convinto che se Pat assiste a tutte le partite degli Eagles questi non potranno perdere. Pat lo denomina atteggiamento ossessivo compulsivo ed ha perfettamente ragione.

In tutto questo, Tiffany (Jennifer Lawrence), cerca di aiutare Pat ad andare avanti con la sua vita, dimenticando tutti gli accaduti che hanno finito per rinchiuderlo nella clinica. Jennifer Lawrence interpreta egregiamente questo personaggio un po’ dark, con qualche squilibrio sessuale e sbalzi d’umore repentini.

Un cast ben omogenato e una storia interessante rende questo film un piccolo gioiello, che sicuramente non avrebbe meritato l’Oscar come Miglior Film, ma che dovrebbe godere di molta popolarità in più.

6 pensieri riguardo “Recensione film: Silver Linings Playbook

  • 4 Aprile 2013 in 7:45
    Permalink

    Bell’articoloooooo

  • 4 Aprile 2013 in 7:45
    Permalink

    Bell’articoloooooo

  • 3 Aprile 2013 in 10:28
    Permalink

    Ottima recensione, film stupendo!

  • 3 Aprile 2013 in 10:28
    Permalink

    Ottima recensione, film stupendo!

  • 3 Aprile 2013 in 9:39
    Permalink

    A me, personalmente, è piaciuta tantissimo. Ho trovato che il tema della malattia mentale sia stato affrontato con una delicatezza straordinaria, senza esagerare, con un’interpretazione meravigliosa di Bradley Cooper, che viene poco considerato a mio parere. Tutti osannano Jennifer Lawrence, che è stata molto brava, ma lui a mio parere si è davvero superato.

  • 3 Aprile 2013 in 9:39
    Permalink

    A me, personalmente, è piaciuta tantissimo. Ho trovato che il tema della malattia mentale sia stato affrontato con una delicatezza straordinaria, senza esagerare, con un’interpretazione meravigliosa di Bradley Cooper, che viene poco considerato a mio parere. Tutti osannano Jennifer Lawrence, che è stata molto brava, ma lui a mio parere si è davvero superato.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: