Intervista a Al!s: “Succo” è il nuovo singolo

Disponibile in rotazione radiofonica e sulle piattaforme digitali “Succo”, il nuovo singolo di AL!S. Abbiamo intervistato la cantautrice per conoscerla meglio:

“Succo” è un brano dalle influenze pop dell’artista con sonorità elettroniche e alternative che descrive la relazione di dipendenza emotiva e fisica che si instaura con l’alcol. Questo brano, infatti, è la personificazione della dipendenza stessa, sinuosa, arrogante e al contempo carismatica, che tenta di trascinarti con sé in un triste inferno.

Qual è stato il momento in cui hai capito che era ora di dar vita al tuo progetto musicale?

Il momento preciso non lo ricordo, ma durante la pandemia ho scritto in continuazione e proprio in quel periodo ho percepito l’impegno che stavo immettendo nell’analizzarmi attraverso le canzoni. Credo che in qualche modo questo momento storico infausto mi abbia dato in parte la carica.

Come senti di essere evoluta da quando hai cominciato a fare musica ad oggi?

Sento di star trovando un ambiente sonoro che mi appassiona e mi diverte, accomunando musica e testo in maniera fluida e sentita, cosa che è scaturita solo tramite un impegno costante negli ultimi due anni. All’inizio di questo percorso invece tendevo molto a concentrarmi solo sulle parole, non riuscendomi a distaccare molto dal mio lato autoriale.

In che modo il brano “Succo” è rappresentativo della tua persona?

Succo mi rappresenta in tutto e per tutto, perché è la voce della dipendenza pura e semplice, di qualsiasi natura, ed io come essere umano sono incredibilmente soggetta a cader prigioniera di molte delle sue sfumature.

Che musica stai ascoltando in questo periodo?

Decisamente molta più musica italiana rispetto a quella estera, anche perché dal momento in cui scrivo in italiano mi è utile confrontarmi con ciò che gli artisti italiani più famosi stanno sperimentando.

C’è un artista con cui vorresti condividere il palco?

Ho sempre avuto il piccolo sogno nel cassetto di condividerlo, anche per poco, con Caparezza, ma non credo che questo mai avverrà.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: