Domenica 21 ottobre, Porte aperte in fattoria

Porte aperte in fattoria, torna l’Open Day organizzato dalla Filiera Latte del Lazio. Scoprire il mondo del latte nelle aziende agricole di Roma, Frosinone e Latina.

Domenica 21 ottobre, ritorna “Porte aperte in fattoria”, l’iniziativa gratuita e educativa ideata e organizzata dalla Filiera Latte del Lazio per far conoscere la vita, le abitudini e i valori che caratterizzano le aziende agricole del territorio dove nasce il buon latte del Lazio. Le visite guidate si svolgeranno nelle province di Roma, Frosinone e Latina, per una capacità di accoglienza di 1800 persone.

In provincia di Roma le visite coinvolgeranno due location diverse, la Fattoria Didattica Salvucci a Fiumicino e l’azienda Agricola Scorsolini.

In provincia di Latina hanno aderito la società Agricola Fiorito a Pontina (LT), le aziende di Altobelli Massimo, Mastrodomenico Mauro e Iacovacci Franco e infine l’azienda agricola F.lli Magnanti Giovanni & Agostino.

In provincia di Frosinone sono visitabili l’azienda Agricola Colle Grande a Palliano e Viti Alfredo ad Agagni.

Porte aperte in fattoria

guida alla scoperta del ciclo di produzione del latte e apprezzare i suoi ritmi, le attività e la cura degli animali. Famiglie e gruppi, bambini, giovani e adulti hanno la possibilità di vivere da protagonisti l’esperienza della fattoria.

È possibile conoscere le tante attività della vita in fattoria, le operazioni nei diversi momenti della giornata, il ciclo produttivo del latte, i metodi di allevamento e cura degli animali. In programma, inoltre, quiz, giochi e degustazioni di latte ricotta, formaggi, mozzarelle e altri prodotti locali e specialità della tradizione casearia laziale che vengono realizzati ogni giorno nelle fattorie di tutta la regione.

L’orario di visita di un’ora è proposto nell’orario tra le 10.00 e le 15.00

Prenotare è obbligatorio e fornisce la possibilità di scegliere l’azienda in uno degli slot disponibili. Tutte le informazioni sono nel form del sito ufficiale. Con la prenotazione si sceglie la fattoria, l’orario e si indica il numero di persone gruppo per ricevere la conferma via email. Inoltre la procedura telematica permette di conoscere l’indirizzo esatto delle aziende aderenti all’iniziativa e di selezionare l’allevamento più comodo nelle diverse province del Lazio, compatibilmente con le disponibilità di posti residue.

La Regione Lazio è il quarto produttore industriale italiano di latte fresco e una delle regioni in cui la domanda rimane più alta. Il progetto di filiera è stato ideato congiuntamente da tutti i principali attori della produzione e della trasformazione per rafforzare ulteriormente questa tipicità, offrire informazioni chiare al consumatore e impegnare le aziende agricole aderenti all’adozione di standard uniformi e superiori alle norme di legge in materia di requisiti sanitari, benessere animale e certificazione zootecnica.

Il progetto Filiera Latte del Lazio è sostenuto da cooperative di produttori, aziende della trasformazione e organizzazioni professionali agricole

Ne fanno parte la Centrale del Latte di Roma, Fattoria Latte Sano, Ipa Latte di Nepi, Centrale del Latte di Rieti; le principali cooperative di raccolta latte in rappresentanza di 450 aziende agricole con capofila la Cooperativa Romana Latte; Cia-Agricoltori Italiani Lazio, Coldiretti Lazio, Confagricoltura Lazio, Copagri Lazio, con il sostegno di Unindustria Sezione alimentare e della Regione Lazio.

“Il progetto che riscuote sempre più adesioni e interesse è importante perché permette di fare incontrare produttori e consumatori. Quest’ultimo sono sempre più attenti alla tracciabilità e alla provenienza degli alimenti e sono interessanti a comprendere come si realizza la filiera di produzione e la trasformazione in campo agroalimentare delle aziende presenti sul territorio – afferma Federico Sannella, presidente della sezione Alimentare di Unindustria in qualità di portavoce del progetto, che aggiunge – che aggiunge quanto sia fondamentale valorizzare l’alta qualità del prodotto fresco e di tutti i suoi derivati, che possono contare su una vasta filiera presente sul territorio della Regione”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: