Trevignano Romano, la piccola Nizza del lago - SenzaBarcode

Trevignano Romano, la piccola Nizza del lago

Dopo la grande sofferenza del Lago di Bracciano del 2017, anche Trevignano si prepara per una entusiasmante stagione estiva. All’insegna di colori, sapori, suoni e arte.

Abbiamo sofferto per il lago di Bracciano sin dai primi accenni dell’allarme lanciato ad aprile 2017 quando incontrammo l’allora deputato del Partito Democratico Emiliano Minnucci che confermava quanto eravamo vicini al disastro ambientale. Il livello del Lago di Bracciano continua a scendere nei mesi successivi, poi finalmente il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti emana l’ordinanza che sospende le captazioni da parte di Acea. L’azienda al 51% di proprietà del Comune di Roma e il sindaco Virginia Raggi si sono schierati contro la determina. Si terrà il 30 maggio l’udienza presso il Tribunale Superiore delle Acque.

“Voglio ringraziare Nicola Zingaretti perché è stato immediatamente sul tema, adottando anche dei provvedimenti molto rischiosi. Il coraggio della Regione c’è stato insieme al Parco Naturale Bracciano – Martignano” dichiara Luca Galloni, vice sindaco che detiene anche le deleghe al Turismo, Spettacolo, Innovazione Tecnologica, Comunicazione e Rapporti Istituzionali. “Siamo in contenzioso con chi, in parte, è stato origine del problema dell’abbassamento idrico del lago, Acea”. Di fatto ora Acea ha sospeso le captazione e ridotto le perdite della rete idrica che passano dal 46% al 23%.

Trevignano Romano conquista la meritata Bandiera Blu 2018. Il solo Comune della provincia di Roma. Inoltre, da qualche mese, è anche insignita della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano

Il simbolo internazionale del turismo sostenibile, accessibile e di qualità è del tutto meritato da questa perla di Comune che conta circa 6000 abitanti, diventano 15mila nei periodi estivi. Raccolta differenziata al 70%, isole ecologiche all’avanguardia, un patrimonio artistico tra il borgo medievale, il museo etrusco, la chiesa e il sentiero di San Bernardino e lo splendido lungolago.

Tutto parte da un pomodoro …

L’economia del più piccolo paese che affaccia sul Lago di Bracciano si basa sul turismo, l’enogastronomia, la produzione di olio, vino, frutta e verdura. Qui si trovano i veri contadini e giovani che, dalle esperienze e dalle risorse, creano innovazione. Dalle gelatine di vino di Guidoni, al caciofiore dell’azienda Acquaranda, dal vino delle cantine Capitani ai dolci di Ermete. I tesori naturali curati dall’Ente Parco e il wedding tourism: sposarsi n ogni luogo di Trevignano, coccolati da chi ha fatto dell’organizzazione del matrimonio un mestiere.

Ma la fortuna dell’economia locale la si deve ad un pomodoro, Il bello di Trevignano, semi antichi che oggi si cerca di riproporre in collaborazione con l’università della Tuscia e la sperimentazione delle culture idroponiche. Questa incantevole Nizza del Lago non è stata raggiunta dalla ferrovia e questo la preserva, ma non la ghettizza.

Essere, partecipare, esplorare, fare, entrare…

Queste le parole d’ordine nel sito ufficiale di Trevignano Romano, amministrazione guidata dal sindaco Claudia Maciucchi eletta nella civica Chi Ama Trevignano il 6 luglio 2016 .

Nella bella sala del Consiglio Comunale il sindaco Maciucchi spiega “Questo è un territorio ricco di storia, di cultura e di tradizioni. La storia l’abbiamo sotto agli occhi, basta scendere qui sotto e abbiamo dei reperti etruschi … un piccolo a importante museo, che raccoglie reperti che abbiamo raccolto qui…” Molti sono gli eventi organizzati dal Comune e dall’ente Parco per l’estate 2018 . Continua il sindaco “il 90% di Trevignano è all’interno del Parco Naturale Bracciano – Martignano, quindi a loro dobbiamo la salvaguardia della parte boschiva e lacustre … non basta una giornata per visitare Trevignano, anche se sembra piccola…!”

Le eccellenze produttive

Trevignano è una piccola realtà che ha raggiunto traguardi eccellenti anche grazie alla collaborazione dei suoi cittadini, orgogliosi di essere parte di un progetto che ambisce a migliorarsi continuamente. E la stretta partecipazione la si percepisce immediatamente, Massimo Antonini titolare dell’azienda Acquaranda “ma sono un contadino” racconta “… Io rappresento qui Trevignano grazie al volere di Luca Galloni, e lo ringrazio per la considerazione. Rappresento tutti i commercianti del consorzio Promo Trevignano che ci aiuterà a sviluppare il paese”. C’è poi Gianfranco Venturi, stilista e wedding planer, Emanuele Perugini presidente di Bracciano Smart Lake. Attenta la relazione di Vittorio Lorenzetti, Presidente Parco Naturale Bracciano-Martignano che ha illustrato anche il programma delle iniziative 2018.

Dopo una giornata all’insegna del lago, escursioni e cultura a Trevignano Romano ci si concede il massimo relax, tra il verde di Acquaranda, magari scegliendosi i pomodori direttamente dall’orto, pronti a gustare i formaggi fatti con latte di pecora. Addolciti dal miele di Silvia Rossi L’Orto di nonno, sorseggiando impareggiabile vino delle Cantine Capitani e Cantine Morichelli. Gelatine di vino di Loredana Guidoni, le delizie dell’Azienda Agricola di Sergio Sforzini o riscoprendo piatti di antica tradizione come l’acqua cotta magistralmente eseguita da Mario Massarelli dell’Azienda Agricola l’Orto del Lago.

I motivi per innamorarsi di Trevignano Romano sono tanti, ci si può solo augurare di concederseli tutti, in questa oasi lontana dal caos, dall’inquinamento e dal sapore genuino.

Acquaranda Azienda Agricola Trevignano Romano sul lago di Bracciano from DEA STUDIO -Daniele on Vimeo.

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: