Cavalli a Roma dal 17 al 19 febbraio l’affascinante manifestazione a Fiera Roma

Sarà anche quest’anno Cavalli a Roma ad aprire la stagione delle grandi kermesse equestri nazionali presso i padiglioni di Fiera di Roma, dal 17 al 19 febbraio.

Una manifestazione dalla storia forte e interessante, nata proprio all’“incipit” della crisi nel comparto equestre e, a dispetto delle difficoltà, giunta oggi all’edizione 2017 con un’ascesa in termini di gradimento, pubblico, contenuti e indotto economico sul territorio. A dimostrazione tangibile che la passione degli italiani per il cavallo, la testarda dedizione degli operatori del settore così come il fascino che questo magnifico animale è in grado di esercitare su migliaia di famiglie non possono essere cancellati da alcuna contingenza economica.

«Siamo orgogliosi di ospitare anche quest’anno Cavalli a Roma», commenta l’Amministratore unico di Fiera Roma Pietro Piccinetti, «un appuntamento che richiama gli operatori del settore ma anche il grande pubblico, insieme internazionale e rappresentativo del territorio, con una qualificata partecipazione di realtà locali. I nostri grandi spazi sono perfetti per offrire il palcoscenico ideale a una manifestazione che negli anni ha saputo conquistare sempre maggiore partecipazione, con consistenti ricadute per l’indotto sul territorio».

E aggiunge Giancarlo Doardo, già coinvolto nell’organizzazione di alcune aree della fiera romana per le scorse edizioni, che ne assume da quest’anno la totale responsabilità come Event Director: «Dopo aver potuto osservare da vicino, in qualità di organizzatore di vari eventi equestri di primo piano nel nostro Paese, le difficoltà in cui tutto il settore si è dibattuto negli ultimi anni, sono ora veramente ottimista sul corso che il mondo del cavallo pare abbia intrapreso: vedo idee, voglia di uscire dai soliti schemi e tante nuove leve con voglia di fare. Cavalli a Roma, con le sue proposte e i suoi numeri in costante e metodico aumento, dimostrano che sta arrivando la fine del tunnel».

2000 cavalli e oltre 300 espositori internazionali

Cavalli a Roma ha catalizzato lo scorso anno l’attenzione di quasi 83mila visitatori, +30% rispetto all’edizione del 2015. Numeri che l’organizzazione è convinta di superare con l’edizione 2017, la quale già registra un +20% sul numero delle iscrizioni in gara. Il nuovo programma è importante sotto il profilo dell’agonismo, divertente e interessante sotto quello della varietà di attività e spettacoli legati al mondo del cavallo, strutturato per l’accoglienza e le iniziative rivolte a bambini e ragazzi e anche coinvolto sotto il profilo della solidarietà e del sociale

Due importanti iniziative: RicostruiAmo Visso, promossa dall’organizzazione fieristica insieme a Fitetrec-Ante, che vedrà svolgersi una serie di attività in favore del Comune di Visso in provincia di Macerata (Marche), duramente colpito dal terremoto nell’ottobre scorso. L’altra iniziativa è Io ci sto dentro, il bell’esperimento di integrazione che nella tre giorni equestre impegnerà detenuti ed ex detenuti di diversi istituti penitenziari del Lazio nella viabilità interna e nell’assistenza fuori campo alle varie arene equestri, per una proposta che attraverso il lavoro riporta nella società persone altrimenti escluse.

Il nuovo palinsesto mantiene saldi “cavalli di battaglia” come i due grandi concorsi internazionali di salto ostacoli e di reining

Si modifica invece in altre sue parti per offrire un programma, agonistico e non, il più possibile incalzante e accattivante in ogni padiglione e in ogni area esterna, facendo sì che il pubblico abbia sempre tanto da vedere e di cui entusiasmarsi.

Torna a deliziare gli appassionati, dopo il successo delle prime edizioni tenutesi lo scorso anno all’interno di Cavalli a Roma 2016 e di Fieracavalli Verona, l’atteso concorso indoor CSI2*/CSI1* Fixdesign International Show Jumping. Riconfermata la riserva del 50% dei posti alle categorie Children, Junior e Young Rider, e numerose le presenze straniere previste nelle gare i cui percorsi saranno disegnati da Uliano Vezzani, con la collaborazione di Roberto Murè. Il Gran Premio CSI2* di domenica 19 febbraio è valido ai fini dei FEI Longines Rankings – gruppo “D”. Tra le novità previste: la “6 barriere” per il CSI1*; gli “suite-table”, su prenotazione, per i cavalieri; e, non ultima, la festa del sabato sera!

Anche l’NRHA Rome Shoot-In avrà ancora una volta nella Capitale un palco privilegiato. Torna, infatti, +++con i suoi 50mila dollari di montepremi, l’importante gara di reining che ormai da tre anni inaugura la stagione europea dei grandi trofei validi per la corsa ai titoli mondiali e continentali sotto l’egida della National Reining Horse Association americana (la casa madre della specialità).

La nutrita sezione delle gare Fitetrec-Ante vedrà scendere in campo, come ogni anno, per la kermesse capitolina i concorrenti delle Monte da lavoro di origine sia europea che americana: da segnalare, in particolare, la “prima volta” a Roma di una tra le specialità a stelle e strisce più intimamente connessa al lavoro delle praterie, lo spettacolare Reined Cow Horse, universalmente considerato il “Completo” dell’equitazione in sella western. Tornano inoltre importanti Special Events di Team Penning, Monta da Lavoro Tradizionale, Gimkana e Mountain Trail.

Ben due campi esterni sono riservati alla spettacolare disciplina degli Attacchi

con le scenografiche carrozze trainate anche da più cavalli e impegnate in percorsi a volte quasi spericolati fra ostacoli di vario genere, e un’importante e articolata sezione è, durante Cavalli a Roma, quella dedicata ai più giovani: due Battesimi della sella e alcuni programmi ludici e didattici gestiti da professionisti della Fise, della Fitetrec-Ante e dell’Asi Sport Equestri, e un Villaggio Scuola, curato da Circuito Eventi, con attività differenziate a seconda dell’età: quest’ultima iniziativa è guidata e riservata a gruppi di almeno 15 persone, indipendentemente dal numero di adulti e ragazzi, con biglietti scontati e prenotazione obbligatoria tramite il sito ufficiale.

Cavalli a Roma 2017 propone poi un’area completamente dedicata all’Horsemanship con tre diverse “scuole” che terranno clinic e dimostrazioni dei propri metodi tutti rigorosamente basati sulla conoscenza profonda delle caratteristiche etologiche equine, sull’instaurare con gli amici cavalli una comunicazione a due vie e, soprattutto, sulla più assoluta assenza di violenza.

In programma anche tavole rotonde e workshop

mentre tra le molte curiosità segnaliamo che una delle animate aree esterne ai padiglioni sarà dedicata alle molteplici, e in Italia ancora poco note, qualità dei muli montati e attaccati, e che saranno presenti in fiera i Falconieri a cavallo. Il “resto” della Fiera sarà come sempre un rutilare ininterrotto di attività e show: prime fra tutti le emozionanti serate dello Spettacolo Equestre, in programma al venerdì e sabato sera e alla domenica pomeriggio con una formula molto interessante, soprattutto per le famiglie: lo Spettacolo non avrà più come gli scorsi anni un biglietto separato ma sarà compreso in quello di ingresso alla manifestazione.

Il padiglione 4 sarà poi quello della musica, del ballo e del divertimento fino a tarda notte. Atmosfere squisitamente western, con la grande pista in legno della Country Dance, e la miglior musica in arrivo dagli Usa proposta da dj professionisti. E poi il villaggio indiano, ben 15 tra ristoranti e food points, e un imponente settore espositivo con negozi che coprono a 360° le esigenze di cavalieri, allevatori, centri ippici e appassionati, ma anche la voglia di tecnico, di bello e di sfizioso per chi cerca attrezzature, abbigliamento e novità per il tempo libero a “prezzi di fiera”.

Cavalli a Roma è organizzata da Team For You srl con il patrocinio di: Ministero della Salute, Regione Lazio, Camera di Commercio Roma, Fise, Fitetrec-Ante, Asi Sport Equestri.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: