Che cosa è l’anatocismo bancario?

Produzione di interessi, produttività, capitale, analisi, rimborso. In una parola anatocismo bancario. Ma di che si tratta?

Si fa presto a dire banca, o conto corrente e quando si tratta di tutelare i conti di un’azienda diventa tutto più complicato. Dalla scelta dell’istituto che più si confà alle esigenze specifiche per finire alla preferenza di un mutuo o di un leasing. Senza dimenticare l’anatocismo!

Anatocismo, dal latino anatocĭsmu(m),  dal greco ἀνατοκισμός formato da ἀνα- cioè “di nuovo” e τοκισμός ossia “usura”. Letteralmente è “ulteriore usura”. La parola certo spaventa, ma per gli antichi romani giureconsulti è il contratto in cui gli interessi del capitale si aggiungono al capitale stesso e si esige poi gli interessi sul tutto, volgarmente possiamo chiamarlo interesse composto. L’anatocismo bancario è quindi la capitalizzazione periodica degli interessi, vale a dire il trasferimento periodico del capitale – tramite strumentale chiusura e riapertura del conto – lucrando in questo modo interessi su interessi. Tutto questo era considerato illecito sia dalle banche che dalla giurisprudenza fino al 1999 quando si ritenne che vi fosse un’eccezione alla regola generale fissata dall’articolo 1283 c.c. che recita ” In mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi”.

In tema di anatocismo bancario si interviene col decreto legislativo del 4 agosto 1999 n. 342. Da un lato l’articolo 25 dona un nuovo assetto all’articolo 120 del Testo Unico Bancario introducendo la possibilità di un anatocismo da parte dei contratti futuri, dall’altra interviene sanando la situazione esistente prima della delibera CICR 9 febbraio 2000 su modalità e criteri in produzione di interessi.

Lavorare in questo settore, quello dei servizi di questo tipo per le aziende, richiede professionalità, capacità e fiducia. Cercando il significato della parola anatocismo bancario, uno dei primi risultati è ANTARES servizi alle aziende, associata ad Assoconsult (associazione di Confindustria delle società di consulenza aziendale) che offre servizi ad ampissimo raggio per le aziende avvalendosi di un team di selezionati specialisti.

Tramite questo sito, sempre in tema di anatocismo bancario, è anche possibile richiede senza impegno un’analisi gratuita tramite gli esperti per poter chiedere il rimborso dei propri interessi sui conti correnti accesi prima del 2000 e sui conti anticipo di quelli accesi in data successiva.

Come detto in apertura dell’articolo, parlare di banche, denaro e assicurazioni non è affatto facile, la soluzione è affidarsi a degli esperti che con chiarezza e affidabilità possono guidarci e aiutarci a rafforzare le nostre aziende senza avere “paura delle banche”.

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: