Il divorzio breve non è legge, lo è negoziazione assistita

Divorzio facile e non divorzio breve! E’ bene ricordare cosa è passato alla Camera e cosa continua a rimanere bloccato dalle pastoie politiche in Senato.

Il Decreto Legge del Governo convertito in legge dalla Camera prevede che nel caso di separazioni e divorzi consensuali si possa evitare il passaggio davanti al giudice riconoscendo la possibilità di una negoziazione assistita dall’avvocato e, addirittura, i coniugi potranno comparire davanti all’ufficiale dello stato civile del Comune per concludere un accordo di separazione, divorzio o modifica delle condizioni di separazione o di divorzio senza l’assistenza dei difensori, ma tale modalità è possibile solo quando non vi sono figli minori o portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti e l’accordo non contenga atti con cui si dispone il trasferimento di diritti patrimoniali.
Il periodo triennale obbligatorio tra separazione e divorzio rimane inalterato, nulla è cambiato! Per le ormai ex coppie ci vorranno sempre almeno tre anni di separazione obbligatoria per giungere al divorzio.
Questo pasticcio scoordinato è dovuto alla sovrapposizione di due proposte di iniziativa diversa: l’una, la negoziazione assistita e la degiurisdizionalizzazione, proviene dal Governo con Decreto Legge che ha prevalenza su tutto, perché deve essere convertito in Legge dalle camere entro 60 giorni; l’altra prevede il lento iter parlamentare classico con doppio passaggio tra le camere, soggetto ai contrasti tra maggioranze trasversali e inerzia spesso colpevole dei parlamentari.
Questo il motivo di uno sciopero della fame iniziato mercoledì 5 novembre che vede attualmente l’adesione di circa 2000 persone e destinato a crescere sempre più come spontanea iniziativa popolare. Ormai gli italiani pretendono una risposta da parte degli eletti e sono stanchi di vere e proprie meline come sono stati abituati a vedere nelle scorse legislature. Le statistiche ci dicono che quasi il 90% dei cittadini vogliono il divorzio breve, ci sembra giusto che almeno lo si voti.

Diego Sabatinelli

Dal ’95 letteralmente “batto le strade” di Roma per promuovere le iniziative nonviolente radicali, a partire dalla raccolta firme su 20 referendum che si svolge proprio quell’anno…

2 pensieri riguardo “Il divorzio breve non è legge, lo è negoziazione assistita

  • 28 Novembre 2014 in 13:19
    Permalink

    Mi sono sposato in tre mesi, il matrimonio è durato due anni e ora ce ne vogliono tre per divorziare. Ho 38 anni deconrifarmi una vita, non ho tutto questo tempo…

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: