Primavera italiana: capricci e pasticci nel Paese dei balocchi

la_repubblica_italiana1Quest’anno la primavera italiana è caratterizzata da un clima a dir poco instabile. E non parlo solo di meteo, che di certo sta seguendo un curioso andamento “a zig-zag”, ma soprattutto di politica. Il mese scorso Enrico Letta, reggente del PD nonché neo-Presidente del Consiglio, ha prestato giuramento a Palazzo Chigi insieme ai 21 ministri incaricati di formare il nuovo Esecutivo. Un governissimo come unica soluzione possibile, dato il fallimento di altre proposte, che ha trasmesso a tutti noi un’inevitabile sensazione di barcollamento.

Non so voi, ma io percepisco anche un formicolio sulla pelle, potrei definirlo insofferenza diffusa. Ma non è quel genere di sensazione che piomba addosso senza preavviso; è più uno strascico fastidioso che col tempo diventa cronico.  Questa  presenza è diventata talmente subdola, da non farmi stupire più di niente. Non mi scandalizzano nemmeno i tanti italiani che per fronteggiare la crisi arrivano alla scelta disperata di vendersi un organo, illegalmente. Siamo davvero alla frutta.

Politici e burocrati: se il vostro scopo era sedarmi, ce l’avete fatta!

Non provo più a spiegare ai miei amici all’estero cosa sta succedendo nel nostro Paese. Mi limito a rispondere a poche domande:

1) Governo Letta-Alfano. Cari amici che guardate all’Italia come fosse il Paese dei balocchi, la  nostra situazione socio-politica non è tra le più rosee, ma state certi che anche questa volta ne usciremo. Le elezioni? Non c’è stato un vero vincitore. Lo so, è difficile da capire:  in teoria la vittoria sarebbe stata di Bersani, ma in pratica non ci sono stati i numeri per governare.  Che significa tutto questo? Non lo so, chiedetelo alla nostra legge elettorale

Le larghe intese danno sollievo. Per fare una rima: avevamo urgenza di stabilità, per mancanza di novità. Strano, direte voi, considerando che il 75% del Parlamento è stato “rinnovato”. Ottima osservazione.

Il Governo Letta-Alfano segna un tentativo di pacificazione dell’Italia. Un tentativo talmente saldo da restare fermo lì dov’è, senza cambiare fondamentalmente nulla. Per altro, leggo qui e là, che il virus italiano si sta diffondendo in tutta Europa: il bisogno di certezze politiche si propaga in Francia, dove quattro cittadini su cinque vedono di buon occhio una grande coalizione politica. E lo stesso accade nell’austera Germania.

2) Il fenomeno Grillo. Un grande movimento dal basso, certo con qualche problema di assestamento… Ma non fatevi scandalizzare da insulti e parolacce. Lo sapete come siamo noi italiani, diciamo ca*** e vaff****** per qualsiasi cosa, non stiamo qui a cercare il pelo nell’uovo!

3) L’inaspettato – ma non  così tanto – Napolitano bis. Come mai non siamo stati capaci di scegliere un nuovo volto? Suvvia, il Presidente della Repubblica non è una carica così determinante. O forse si?

4) L’ennesimo processo a Berlusconi. Su questo punto, vi prego, non fatemi proferire parola. E’ un caso disperato, mi fa quasi sorridere. E ho detto tutto…

5) Il numero crescente di suicidi consegnati con spaventosa frequenza al Paese e non ultima la cornice raccapricciante dell’attentato che si è consumato a Piazza Colonna per mano di Luigi Preiti il mese scorso.

Eravamo tutti in attesa – chi soddisfatto, chi decisamente meno – che le varie forze politiche facessero il primo passo verso un’agognata stabilità collaborativa ed ecco che un cittadino con problemi psichici ha iniziato a sparare contro due carabinieri. C’è stato il caos e siamo tornati tutti con i piedi per terra. Il folle gesto ha riportato l’attenzione nei confronti di un disagio sociale che attanaglia l’Italia, ribadendo lo scarto evidente fra politica e popolazione.

6) Non c’è più Papa Ratzinger, ora abbiamo il sorridente Papa Francesco, che sta simpatico a tutti. Anche questo è un forte cambiamento socio-politico no?

7) E’ morto Giulio Andreotti, personaggio politico interessante, nonché ambiguo. Ma il 22 maggio è passato a miglior vita anche Don Andrea Gallo, il “prete comunista”, voce fuori dal coro. Pensate che diceva: “La sessualità è un dono, rispettate gli omosessuali e i transessuali”. Incredibile vero?

E questa è in breve la colorata torta italiana. Solo qualche fetta in realtà, ma siate certi che qualsiasi angolo del dolce decidiate di assaggiare, risulterà comunque saporito.

L’ Italia capricciosa e volubile come una stagione in fiore, così ricca di sorprese! – È che ogni tanto ce ne vorrebbero di buone di queste sorprese… –

Cosa faccio io? Aspetto tempo migliori, sperando di non assecondare quella vocina che spesso mi consiglia di emigrare da voi all’estero, ovviamente!

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: