Arte e Cultura

Ma che colpa abbiamo noi. Intervista a Chiara Casarico

Ma che colpa abbiamo noi di e con Chiara Casarico, Giuseppe De Trizio. Testi Chiara Casarico, musiche Giuseppe De Trizio. Dal 18 al 20 febbraio.

Dal 18 al 20 febbraio il palcoscenico dell’Altrove Teatro Studio accoglie Ma che colpa abbiamo noi, spettacolo di e con Chiara Casarico e Giuseppe De Trizio. Sono passati cinquant’anni dal 1968, della rivolta studentesca, dello scontro generazionale, della liberalizzazione sessuale e tanto altro… un anno che ha segnato un grande cambiamento socio-politico nel mondo del quale forse non sappiamo ancora apprezzare la portata e che ci pone ancora grandi interrogativi.

“Ma che colpa abbiamo noi” è il ritornello di una canzone dei Rokes, con testo italiano di Mogol, che si piazzerà al secondo posto in uno storico Cantagiro del 1966 e che secondo noi rende bene l’idea del cambiamento che stava avvenendo in quegli anni. Così abbiamo deciso di guardare il ’68 a partire dalle canzoni uscite in Italia in quello storico anno (facendo qualche eccezione per canzoni uscite l’anno precedente) e raccontare, sempre a partire dalle canzoni, le vicende emblematiche del ’68 italiano.

Venerdì 18 e sabato 19 febbraio ore 20. Domenica 20 febbraio ore 17. Altrove Teatro Studio – Via Giorgio Scalia 53. Per informazioni e prenotazioni: telefono 3518700413, email ipensieridellaltrove@gmail.com.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!