Turismo e DDL Zan, le conseguenze dell’affossamento

Dichirazione di Alessio Virgili, presidente dell’Associazione Italiana Turismo Gay e Lesbian, dopo l’affossamento al Senato del DDL Zan.

“In qualità di presidente dell’Associazione Italiana Turismo Gay e Lesbian  ancora una volta mi trovo a difendere il mio Paese in ambito internazionale vedendo bruciare anni di investimenti promozionali all’estero per far capire che l’Italia è un Paese sicuro e accogliente. La sicurezza, come dimostrano tutte le ricerche di mercato post pandemia, è oggi il primo bisogno in ambito turistico e non solo dal punto di vista sanitario. Per questo enti di promozione internazionale, istituti commerciali e di cultura, strutture diplomatiche, investono per far capire ai mercati mondiali che l’Italia è un luogo di accoglienza.

Purtroppo gli applausi di ieri in Senato hanno fatto il giro del mondo. Oltre a mortificare la comunità LGTBQ+ hanno avuto immediate conseguenze di immagine. Un’immagine su cui si investe per attrarre una domanda importante e iconica, che genera trend attrattivi per tantissime persone, anche al di fuori della comunità LGBT+, che vogliono sentirsi turisti in un paese libero, di tendenza, moderno e sicuro.

Il nostro censimento come Paese sul portale Equal Index, che dà uno specchio dei diritti e delle tutele per la comunità nei vari Paesi del mondo, ci vede tra quei pochi Stati in Occidente, ma soprattutto in Europa, che non tutelano le discriminazioni verso i cittadini LGBTQ+

e da ieri rischiamo uno slittamento ulteriore. Un’aggressione omofoba non può essere ridotta a “futili motivi” e questa legge era in primis un messaggio culturale. Recente abbiamo condannato, con EDGE, Famiglie Arcobaleno e Polis Aperta,  l’episodio discriminatorio a Linate, al controllo passaporti, dove una famiglia omogenitoriale è stata trattata come se avesse rapito i propri figli, e questo non deve più accadere. Abbiamo scritto al Prefetto affinché si attuino politiche di sensibilizzazione di chi opera negli aeroporti.

Ancora una  volta con il nostro comitato scientifico AITGL dove siedono le più grandi università, i rappresentanti dell’associazionismo aziendale italiani, dovrà rimboccarsi le maniche e ricominciare a cercare di convincere il mondo che non siamo dei barbari. Abbiamo lavorato duramente per anni al fine di ottenere che si svolga in Italia la più grande convention del mondo per il turismo LGBTQ+, la convention IGLTA  che sarà a Milano dal 26 al 29 ottobre prossimo e mi sembra che la strada per attrarre aziende e investimenti in questa occasione non sia proprio spianata”. 

Ascolta una precedente intervista ad Alessio Virgili riguardo a green pass e discriminazione sessuale.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: