Paolo Leccese. Volt in Campidoglio

A #Roma 2021 Paolo Leccese, vicepresidente del Consiglio del II Municipio e presidente della commissione commercio. Capogruppo di Volt partito paneuropeo e progressista fondato nel 2017.

Paolo Leccese ha messo a disposizione la sua candidatura per portare Volt in Campidoglio. Dopo due consiliature ritiene di aver maturato l’esperienza necessaria per il nuovo incarico. Il partito è anche a disposizione per le primarie, qualora effettivamente si facessero, del centrosinistra anche se a oggi non vi è ancora nessun nome ufficiale come candidato sindaco.

“Io non voglio dire che la Raggi non è all’altezza perché riconosciamo la difficoltà di gestire una città complessa come Roma. Questo è indubbio. Però dobbiamo anche riconoscere che ce ne si mette del proprio…” ha detto Leccese nella conversazione del 5 febbraio per WebRadio SenzaBarcode.

Sulle recenti defenestrazioni degli assessori al turismo, Carlo Cafarotti, e alla cultura nonché vicesindaco di Roma Luca Bergamo, “…nel momento stesso in cui nei vari anni si cambia l’assessore al bilancio, si cambiano assessorati a tre mesi dalle elezioni, si mandano via il vicesindaco e tutta una serie di figure chiave tra cui anche l’assessore al commercio, evidentemente non si ha una visione chiara di quello che si vuole come città.”

Mobilità e edilizia

Paolo Leccese è dello stesso avviso di Paolo Berdini, intervenuto al microfono di #Roma 2021, il 29 gennaio, per cui la città attualmente starebbe pagando 30 anni d’immobilismo rispetto alle opere urbanistiche e legate alla mobilità. L’ex assessore Berdini, attualmente candidato per lo scranno più alto del Campidoglio, ritiene infatti che sia questo uno dei motivi per cui le periferie della città di Roma detengono il triste primato d’inoccupati e persone che hanno abbandonato gli studi.

Paolo Leccese dichiara “il fatto di potersi muovere e spostare è sicuramente fondamentale. Faccio questo inciso … Bisogna ricominciare a parlare di edilizia sociale e soprattutto bisogna ricominciare a parlare di edilizia sociale in chiave sostenibile. Questo è un altro punto che bisogna toccare…”.

Leggi anche Paolo Berdini vs Virginia Raggi #Roma2021

Maggiori poteri a Roma

Abbiamo parlato anche di maggiori poteri per Roma, e del fatto che a causa del voto contrario di Forza Italia in Campidoglio è saltata l’audizione in Commissioni Affari Costituzionali, prevista per il 3 febbraio. Tra l’altro possiamo informare che il 24 febbraio si terrà un consiglio straordinario sullo status di Roma Capitale aperto alla partecipazione di tutti gli esponenti parlamentari che vorranno intervenire.

“E inqualificabile che la città capitale d’Italia abbia la stessa gestione e la stessa di capacità amministrativa di una qualsiasi altra città… Le altre capitali europee e non solo, ma le capitali occidentali, vengono gestite in maniera completamente diversa. Addirittura negli Stati Uniti Washington ha un distretto a parte… Tutte le capitali vengono gestite come se fossero praticamente dei territori a sé. Spesso noi dimentichiamo che Roma non è solo la capitale d’Italia, ma è il comune più grande d’Europa. I confini amministrativi di Parigi stanno nella nostra città ben 9 volte…”.

A fine pagina trovate il podcast con l’intervista integrale a Paolo Leccese.

Sostieni SenzaBarcode con una donazione!
La nostra associazione, il sito e la webradio sono totalmente autofinanziati.
Scegli il progetto che preferisci e diventa SenzaBarcode

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: