Cristina Grancio, da Farmacap a Roma2021

A Roma 2021 il consigliere Cristina Grancio che ha portato in Campidoglio il Partito Socialista Italiano.


A Palazzo Senatorio il Partito Socialista Italiano lo si deve a Cristina Grancio, entrata con il MoVimento 5 Stelle e lo ha lasciato dopo che essere stata sospesa, e poi reintegrata. Tutto per aver espresso dubbi a proposito del progetto dello stadio della Roma. Progetto che come sappiamo ha già mietuto diverse vittime del M5S e non solo.

Leggi anche  Paolo Berdini vs Virginia Raggi #Roma2021

Oggi, che il MoVimento 5 stelle in Assemblea Capitolina sembra scricchiolare più dell’ incerta maggioranza del Governo del Paese, Cristina Grancio è pronta alla sfida elettorale delle comunali Roma 2021.

In una nota del dicembre 2020 Cristina Grancio racconta che durante la commissione trasparenza si è assistito ad un tragico siparietto del dottor Serra, direttore del dipartimento politiche sociali. Il 25 febbraio 2021 l’USI – Unione Sindacale Italiana, in una nota, ha reso noto che  Il Commissario Straordinario, Dott. Susanna, il DG Dott. Mancini, alla presenza del  Presidente del Collegio dei Revisori, Dott. Cocconi, hanno comunicato alle RSA e alle organizzazioni sindacali, che a partire da marzo 2021, l’Azienda non sarà in grado di pagare gli stipendi oltre al pagamento delle forniture.

Questo a causa della riduzione del fido bancario di 2 milioni di euro, che sarebbe dovuta ad un proporzionale calo del fatturato aziendale. Gli stessi lamentano l’assenza di un intervento della Giunta Capitolina sulla crisi finanziaria dell’Azienda.

Azienda Speciale Farmacap

“È una nota dolentissima  del comune di Roma. Farmacap è un’azienda che sicuramente avrebbe delle grosse potenzialità, ma è una di quelle che diciamo brancola nel buio. A mio avviso perché l’amministrazione in realtà non ha il coraggio di dire cosa vuole fare di questa azienda, ovvio che le farmacie di Roma fanno gola ai grandi imprenditori di questo settore perché in realtà è una grande concorrente. Le farmacie di Roma e sono oltre 40 dislocate nel territorio comunale ed è logico che hanno un grande potere di contrattazione rispetto alla clientela e sono un elemento di concorrenza molto forte per tutto il settore privato.”

Il fatto di non aver approvato i bilanci sta portando l’azienda in una situazione di precarietà e difetto anche dal punto di vista del pagamento degli stipendi. La sofferenza di Farmacap comunque non è storia recente e si ricordano anche le accuse verso i dipendenti quasi fossero loro la motivazione del fallimento.

Leggi anche Lo stato di salute di Farmacap. Intervista al Commissario Angelo Stefanori

E parlando di programma la consigliera Cristina Grancio parla di partecipazione da parte di cittadini come uno degli strumenti principali tanto da dichiarare “io personalmente sarei addirittura per un assessorato alla partecipazione perché credo che sia uno strumento di cui il Governo della città non può fare a meno … “.

La conversazione continua su diversi agomenti, per questo consiglio l’ascolto dell’intervista registrata venerdì 26 febbraio per Roma 2021 #VistaFori, la trasmissione sulla campagna elettorale delle prossime comunali della capitale d’Italia. 

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: