Brut, dry, extra dry… Quale spumante?

Natale, capodanno, festa di compleanno oppure pranzo o cena speciale? Quale spumante è adatto ad ogni situazione?

Probabilmente anche voi, come la maggior parte degli italiani, in queste situazioni gradite stappare una bottiglia di spumante e brindare con un tradizionale cin-cin e tintinnio di flute. Nel nostro Paese per consacrare un giorno speciale si vuole sempre bere qualcosa di altrettanto speciale e pregiato e in questo senso, le bollicine di solito sono considerate il top.

Chi si deve occupare di scegliere quali tipi di spumante mettere a tavola per l’occasione però, non sempre conosce le differenze tra le tante proposte e tra le varie definizioni come brut, dry o extra dry, millesimato, superiore di Cartizze e cuvée.

Nel mio articolo su CandyValentino.it troverete una breve guida introduttiva sul significato di queste definizioni. Vi servirà a scegliere tra i pregiati spumanti che si trovano in vendita online, nelle enoteche e anche nei supermercati molto forniti.

Tipi di spumante: secco o dolce?

Ebbene sì: a molti lo spumante non piace! In genere il motivo è dovuto alla percezione del gusto  troppo “secco”. Sapevate, ad esempio che di solito chi è particolarmente appassionato di dessert e cibi dolci e non ama quelli aspri, non beve vini secchi? Al contrario, tendenzialmente, chi ama i gusti aciduli, agri o salati e non mangia molti dolci, va matto per il prosecco.

Per accontentare anche i palati più abituati al dolce e permettere comunque di brindare con le bollicine, è utile capire qualcosa di più sulle differenti percentuali di residuo zuccherino lasciate durante la produzione dello spumante. Durante le feste, parlando con amici e parenti, ogni anno mi trovo a scoprire che c’è ancora qualcuno che fa confusione e che, fuorviato ad esempio dalla parola “extra”, è convinto che l’extra dry sia più secco dello spumante dry. Nell’episodio de Il Gusto con Candy Valentino vi spiego tutto sul mondo dei vini spumanti e sulle differenze tra brut, extra brut, dry, extra dry, sec, eccetera.

Candy Valentino

Dopo una lunga esperienza iniziata nel 2005 come addetto stampa e giornalista, in particolar modo come critico teatrale e musicale per quotidiani, riviste digitali e magazine online, inizia l’attività di blogger nel 2017 con CandyValentino.it. Mentre partecipa a press tour, blogger tour e viaggia in autonomia, racconta nei suoi articoli, video e post su Instagram (@candy_valentino) le regioni d’Italia e le loro due eccellenze, riconosciute in tutto il mondo: l’enogastronomia e la moda.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: