Roma

Polizia Locale, ancora due denunce

Tutela della sicurezza pubblica, oltre 100 controlli della Polizia Locale nella serata di ieri: scattate altre due denunce

Continuano i controlli della Polizia Locale di Roma Capitale per verificare il rispetto delle norme a tutela della sicurezza pubblica nei  locali quali  pub , discoteche e attività di ristorazione,  secondo quanto stabilito dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Due le denunce scattate questa notte per  inottemperanza alla chiusura, una nel quartiere di San Lorenzo e l’altra a due passi da Via del Corso. Gli agenti hanno battuto al setaccio diversi quartieri , provvedendo a verificare oltre 100 attività,  sia per  il mancato rispetto dell’obbligo di distanza interpersonale di almeno un metro tra i clienti per le attività di somministrazione, che per l’obbligo di chiudere i battenti per pub e discoteche.

Una trentina gli agenti provenienti dai gruppi Gssu, I Centro ( ex Trevi) , Parioli, Sapienza, Cassia, Prenestino e Casilino, impiegati non solo nelle aree del Centro Storico ma anche in altri quartieri, dalla zona Nomentana  a San Lorenzo, da San Basilio al Prenestino e Ponte Milvio.
Le verifiche proseguiranno nei prossimi giorni, per vigilare sul rispetto di norme atte a garantire la salute pubblica.   

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!