Acea non pervenuta. Si allarga la perdita d’acqua in via Cornelia

Abbiamo inviato la prima segnalazione 48 ore fa. Il buco nell’asfalto è peggiorato e se n’è formato un secondo. Acea verrà a verificare il problema di via Cornelia?

Martedì, intorno alle 14, ho personalmente contattato Marco Giovagnorio, consigliere al Municipio XIII, camminando per via Cornelia avevo notato che dall’asfalto zampillava acqua chiara. Lui è intervenuto in poco tempo, allertando i vigili del fuoco e Acea, responsabile della rete idrica della capitale, società al 51% proprietà del Comune e recandosi sul posto per verificare. Ieri, 8 agosto, non è intervenuto nessuno, ma già nel pomeriggio era possibile notare un secondo buco nell’asfalto dal quale esce acqua.

Alle 14 di oggi, 9 agosto, ancora non si vede Acea

Il primo foro si è notevolmente allargato, dal secondo la fontanella continua allegramente a disperdere acqua potabile. Ragazzini e adulti, divertiti dalla novità, percorrono il tratto di via Cornelia senza infradito… data la calura può essere anche piacevole!

Per 15 giorni, circa, la viabilità di Montespaccato è stata compromessa da una buca creatasi a seguito della rottura di una fognatura, oggi sappiamo con certezza che da giorni c’è una notevole dispersione sotto all’asfalto.

“Ci hanno assicurato che oggi interverranno” spiega Giovagnorio capogruppo FdI “siamo stati all’Acea questa mattina con Tony Mele” altro consigliere d’opposizione, PD, al Municipio XIII.

Aspetto fiduciosa almeno il sopralluogo di Acea

Nel mentre mi ripeto la stessa domanda “ma se per tappare la modesta buca della settimana scorsa ci sono voluti 15 giorni di lavoro, il blocco dei bus e e un camion di terra per assestare il suolo, riusciremo per settembre – inizio delle scuole – ad avere una viabilità accettabile? C’è il rischio che sotto l’asfalto del tratto di via Cornelia interessato la terra sia impregnata d’acqua tanto da provocare voragini e incidenti per le macchine, moto, bus e camion che vi passano?”

Tante domande, in effetti troppe, per una Acea che non c’è in via Cornelia

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: