Comune non pervenuto, Investimenti S.P.A. salva Fiera Roma

Investimenti S.p.A., delibera aumento di capitale e salva Fiera di Roma. Assente il Comune: nessun interesse allo sviluppo strategico?

L’aumento di capitale varato in Assemblea da Investimenti S.P.A. è stato di 13 milioni di euro e il fallimento di Fiera di Roma è scongiurato. In una nota della Camera di commercio di Roma si legge:

“La decisione – afferma Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma, è molto importante perché consente di avere ancora un’offerta turistico-congressuale da parte della nostra città. Fiere e congressi rappresentano un settore strategico per il sistema economico territoriale. Desidero ringraziare la Regione Lazio, in particolare il Presidente Zingaretti, per aver condiviso questa importante decisione perla città di Roma e per la sua economia. Il ringraziamento, purtroppo, non posso estenderlo anche alla Sindaca di Roma visto che – per la terza volta consecutiva – l’Amministrazione comunale ha scelto di non prendere parte all’Assemblea dei soci neanche con un suo delegato. Un’assenza che lascia pochi dubbi sull’interesse di questa Amministrazione verso un asseto strategico per lo sviluppo economico della nostra città“.

Non è quello che ci aspettavamo, proprio il sindaco Virginia Raggi, il 27 agosto all’apertura del congresso di cardiologia ESC dichiarò di essere fiera ed onorata di prendere parte ad un così grande evento e “abbiamo e riponiamo grandi, grandi aspettative sui nuovi vertici che mi sembra abbia avviato un nuovo corso. Siamo molto contenti di vedere come avete iniziato… non ci deludete”. Nella  stessa occasione la Raggi ribadisce l’importanza che ricopre il turismo congressuale non ché la cultura che si sviluppa in Fiera di Roma.

Insomma una pioggia di complimenti all’Amministratore Unico Pietro Piccinetti e tanto entusiasmo.

Era presente anche Marcello De Vito alla serata di inaugurazione, il giorno dopo in un post sulla bacheca Facebook De Vito scrive “…Nuova Fiera di Roma. Il polo fieristico della capitale è stato per troppo tempo gestito da chi non aveva né competenza né idee.”

Ovvio pensare che il socio che detiene il 21,762% di quote in Investimenti S.P.A. condivida la visione della nuova gestione di Fiera e che sia pronto a dare il suo sostegno. Invece capita che sia la Regione Lazio – 9,800% di quote – a dare maggiore sostegno. È l’assessore regionale allo Sviluppo Economico e Attività Produttive, Guido Fabiani a prendere parte all’Assemblea di Investimenti S.P.A. e dare il via libera della Regione all’aumento di Capitale dopo l’approvazione in Giunta, di una delibera con la quale si autorizza la partecipazione all’aumento di capitale e si dà disposizione alla controllata Lazio Innova Spa di fare lo stesso. In tutto la somma a carico della Regione è di 3.050.871,83 euro.

La nota dagli uffici regionali si conclude così: “La Regione, con questa decisione, non si sottrae alle proprie responsabilità di socio e non lascia nulla di intentato per il salvataggio e il rilancio di una realtà fondamentale per la vita economica di Roma e di tutto il territorio regionale come Fiera di Roma”.

È forse una stoccata alla sindaco grillina che snobba Investimenti S.P.A.?

Come ripete spesso l’amministratore Piccinetti “uniti si vince”, quindi noi di SenzaBarcode facciamo il tifo per Fiera di Roma, in attesa del grande appuntamento con Iran Country Presentation.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: