Moschea a Monteverde, Santori e Giudici “il prefetto la chiuda”

Aperta nuova moschea a Monteverde, La presidente del municipio inaugura la struttura Santori e Giudici chiedono al Prefetto di chiuderla “per la sicurezza della città”

“Tra molteplici contestazioni, la presidente Maltese e la giunta di centrosinistra al Municipio XII hanno inaugurato la moschea di Monteverde. La struttura è nascosta sotto la forma di un’associazione culturale e rappresenta la prova che, nonostante i timori di questo periodo, si continuano ad aprire negli scantinati nuovi luoghi di preghiera e scuole coraniche camuffandoli da centri culturali. Anche questa associazione, infatti, è stata costituita con la finalità di “promuovere una migliore conoscenza della fede islamica e delle sue credenze”.

Il vero problema nasce dalla legge 383/2000, grazie alla quale le associazioni di promozione sociale possono svolgere la propria attività all’interno di un locale, derogando alla normativa urbanistica vigente in tema di destinazione d’uso. Tuttavia, questa delle associazioni che nascondono luoghi di culto non è solo una prassi, ma una strategia consolidata diffusa su tutto il territorio nazionale. Ma solo a Roma ce ne sono oltre 100“. Lo dichiarano in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e Marco Giudici, consigliere del Municipio XII.

“Chiediamo che il prefetto Gabrielli chiuda la moschea di Monteverde – prosegue la nota -, perché nel periodo storico che stiamo vivendo queste strutture non possono essere controllate da forze dell’ordine sempre più in difficoltà. A ciò si aggiunga che il presidente della regione Zingaretti non vuole portare all’attenzione dell’aula del consiglio la legge anti-moschee abusive perché assieme ai suoi sodali sul territorio continua ad incentivare queste aggregazioni di stranieri, preparandosi al voto agli immigrati e allo ius soli, sostenuto al livello nazionale sia dal Pd, che dal M5S” concludono Santori e Giudici.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: