Salario accessorio, occupazione di Tronca

Fabrizio Ghera, esponente FdI-AN “Il commissario di occupi anche del salario accessorio e vicende dei lavoratori”

“In tempi non sospetti lo avevamo già evidenziato al Prefetto di Roma e qualche giorno fa lo abbiamo sottolineato anche al commissario prefettizio: è necessario risolvere tutte quelle vicende lasciate appese e non risolte dall’inadeguata giunta Marino. Tra i grandi fallimenti di quell’amministrazione vi è sicuramente il problema del salario accessorio, gestito vergognosamente e che ha visto solo squallide tarantelle ad oltranza che non hanno fatto altro che prendere in giro i dipendenti senza risolvere la questione.

In più occasione è stato colpito l’anello più debole della macchina amministrativa, personale che guadagna 1200 euro al mese e non sono stati penalizzati solo lavoratori capitolini ma anche quelli delle aziende comunali, dove in alcuni casi sono state aperte anche procedure di mobilità o come potrebbe accadere a Roma Metropolitane che – stando a quanto pubblicato oggi dalla stampa – rischia la messa in liquidazione. Un’altra categoria che ha pagato l’incapacità della sinistra al governo di Roma è la Polizia Locale, i cui agenti sono stati ripetutamente mortificati dalle scelte di vertice ed oggi il Corpo si ritrova in gravi carenze di organico e di dotazioni, e ancora il concorso pubblico ancora bloccato mentre il personale viene distolto dal territorio e destinato ad altre attività.

Tutta una serie di emergenze, tra cui anche le 22 procedure del cosiddetto ‘concorsone’ anche ferme, che ad oggi non sono più rimandabili, come Fdi-An chiediamo al commissario prefettizio di occuparsi anche di queste vicende, i romani e le categorie non possono pagare oltremodo i danni fatti da Marino”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: