Canone concordato per affitti Pomezia

Canone concordato per gli affitti delle case, l’Amministrazione comunale incontra le OO.SS. degli inquilini e dei proprietari di immobili

Riceviamo e pubblichiamo

E’ previsto per il prossimo 23 giugno l’incontro tra l’Amministrazione comunale di Pomezia e le Organizzazioni Sindacali degli inquilini e dei proprietari di immobili per definire un accordo territoriale unitario sul canone concordato per gli affitti delle case. Tale accordo permetterebbe, come stabilito dal Regolamento per l’imposta unica comunale (IUC), di beneficiare della riduzione dello 0.6% dell’aliquota deliberata per le seconde case che vengono messe in locazione a canone concordato e utilizzate come abitazione principale.

“Siamo al secondo incontro con le organizzazioni sindacali su questo tema – spiega l’Assessore Veronica Filippone – E’ infatti volontà dell’Amministrazione comunale che si raggiunga un accordo tra inquilini e proprietari di immobili, e siamo certi che lo sgravio sull’ IMU previsto dal nostro Regolamento sarà un incentivo forte per la definizione di un canone concordato per gli affitti”.

“La complessa congiuntura economica che il nostro Paese sta attraversando ormai da diversi anni – aggiunge il Sindaco di Pomezia Fabio Fucci – ci mette di fronte alle difficoltà che i nostri concittadini si trovano ad affrontare, soprattutto quando si parla di un bene primario come la casa. E’ per questo che auspichiamo quanto prima la definizione di un accordo tra le organizzazioni sindacali interessate per la definizione di un canone concordato in materia di affitti, così da consentire ai cittadini di Pomezia di beneficiare delle riduzioni sulle imposte previste dal Regolamento comunale”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: