Exhibition: La grande arte al cinema

Con Exhibition arriva al cinema un nuovo modo di godersi comodamente l’arte dei grandi pittori: proiezioni cinematografiche che mettono il pubblico a contatto con le opere e la vita dei più grandi artisti.

arte al cinemaNexo Digital presenta un nuovo progetto dal nome “Exhibition: la grande arte al cinema” che porterà sui grandi schermi delle città italiane e di altri 30 paesi, le più grandi mostre d’arte dedicate a Manet, Munch e Vermeer.

La prima proiezione, dedicata a Leonardo da Vinci e proiettata in data unica 16 febbraio è stata un grandissimo successo; Essa ha permesso agli spettatori, comodamente seduti sulle poltrone dei cinema delle loro città, di vedere capolavori come le due versioni della Vergine delle Rocce appartenenti l’una alla National Gallery (Londra) e l’altra al Louvre (Parigi), La Belle Ferronierre anch’essa del Louvre e tante altre opere del grande Maestro. Il secondo film, in programmazione per giovedì 11 aprile, guiderà invece gli spettatori all’interno della Royal Academy of Arts di Londra per scoprire le opere e la vita di Manet; La “visita” sarà guidata dallo storico Tim Marlow e dai curatori della mostra MaryAnne Stevens (Director of Academic Affairs della Royal Academy of Arts) e Larry Nichols (curatore del Toledo Museum of Art, Ohio) che porteranno il pubblico a contatto con le tele del pittore parigino, con la sua attenzione per gli elementi naturali e per la vita cittadina, passando anche attraverso i luoghi e le persone centrali della sua vita: le esposizioni al Salon dei Refusès, la sua amicizia con Proust e con Monet.

Il produttore Phil Grabsky spiega: “Sono stato spinto dal desiderio di condividere l’emozione di queste grandi mostre con un pubblico più vasto, da Kansas City ad Adelaide, da Osaka a Napoli, da Glasgow a Città del Capo. Per questo per partire abbiamo pensato a tre mostre straordinarie e di altissimo livello. E mi sento di consigliare il film a tutti coloro che non possono raggiungere la Royal Academy ma anche a tutti i visitatori della mostra, perché l’evento al cinema sarà un’esperienza che permetterà di entrare ancora di più nel cuore delle opere di Manet.”. Dopo Manet, i protagonisti saranno Munch dal Munch Museum e National Museum di Oslo il 27 giugno, e Vermeer dalla National Gallery di Londra il 10 ottobre. Queste proiezioni cinematografiche permetteranno non solo di vedere esposizioni esclusive senza spostarsi, ma anche di conoscere in maniera ancora più profonda gli artisti e le loro opere, attraverso riprese nei loro luoghi nativi, immersioni nella loro quotidianità, nella loro vita e nel contesto storico-culturale in cui hanno lavorato. Esse sono inoltre accompagnate da commenti, spiegazioni e interrogativi ad opera delle guide scelte per ogni artista. Spettacoli unici, che grazie alla tecnologia del cinema digitale offrono le più grandi e belle mostre d’arte ad un vastissimo pubblico, che ora può godersi questi capolavori artistici, non più limitato e ostacolato da barriere spaziali.

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: