I fiori di Pina, presentazione da COCO-MAT

Potremo incontrare Marco Costantini e I fiori di Pina  sabato 22 gennaio, ore 18 presso COCO-MAT in via Leonida Bissolati 56.

Location insolita per una presentazione di un libro, ma dove c’è bello e fascino lì ci può essere passione e cultura. Lo store di interior design COCO-MAT di via Leonida Bissolati 56, a Roma – zona Barberini – ha deciso di offrire una serie di appuntamenti nella sua location. Sembrerà di essere in una intima abitazione privata, anche quando i fiori di Pina e i racconti di Marco Costantini scalderanno l’ambiente.

Tra divani e pasticcini torniamo a raccontarvi del libro della collana editoriale SenzaBarcode edito da CTL Editore Livorno. 

La storia di Pina, della Libertà e della forza di un bambino saranno i protagonisti sabato 22 gennaio dalle ore 18. Nell’occasione sarà possibile conoscere l’autore e acquistare una copia con autografo e dedica personale. L’accesso è consentito solo dopo esibizione di regolare green pass e durante la manifestazione è obbligatorio l’uso della mascherina.

Viste le regole del contagio si consiglia di prenotare il proprio posto scrivendo a info@senzabarcode. it o tramite messaggio WhatsApp al 3456048479. Vi aspettiamo per brindare a I fiori di Pina.  Per maggiori informazioni su Marco Costantini è disponibile la sua pagina.

“La felicità è qualcosa di non tangibile, ma a cui tutti aspiriamo. A volte riusciamo a stringerla tra le mani, ma come la sabbia scivola via tra le dita e l’unica cosa che resta è il rimpianto di non averla saputa trattenere; è proprio da questo presupposto che parte il mio romanzo: dal dolore per una perdita, alla rinascita per un nuovo amore. Inizio il mio romanzo con un momento di disagio, per la scomparsa di un bambino, tutto il paese inizia le ricerche perché il piccolo è un bimbo particolare, alla fine viene ritrovato dal protagonista maschile del romanzo… “

Marco Costantini

Editore: CTL Editore Livorno – Collana: SenzaBarcode – Pagine: 364 – Prezzo: 17.90 € 

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: