Conto deposito: conviene investire?

Il conto deposito ha fatto la propria comparsa da qualche anno andando letteralmente ad innovare il mercato dei prodotti finanziari bancari, dotandolo di nuove opportunità.

Un conto deposito è un contratto che si va a sottoscrivere con un istituto bancario andando a vincolare, depositare, una cifra stabilita e lasciandola bloccata con la promessa di ottenere una remunerazione. Di base come un conto corrente ma con la differenza che i soldi non dovrebbero essere ritirati e non deve quindi esserci un flusso tra entrate ed uscite. Nel corso degli anni sul mercato ne sono usciti di ogni genere, formule vantaggiose per il consumatore a zero spese (anche perché implicano zero servizi) che hanno permesso di investire capitali di varie dimensioni, piccoli e grandi, senza dover necessariamente sottostare a vincoli stringenti.

Ed i conti deposito hanno rappresentato a lungo un porto sicuro per chi voleva investire i propri soldi a stretto giro con la possibilità di guadagnare qualcosa. Ipotesi che trovava riscontro nella realtà dei fatti e che negli ultimi tempi è venuta un po’ meno.

I rendimenti sono ormai crollati

Ciò in virtù della più classica legge di mercato: un tempo i rendimenti dei conti deposito, ovvero le remunerazioni che erano previste, avevano percentuali piuttosto interessanti. Si parlava anche di cifre vicine al 5%, magari per una somma depositata e vincolata per 12 mesi. Ecco le condizioni che hanno reso conveniente e diffuso questo investimento.

Oggi i rendimenti sono crollati in modo evidente un po’ per tutti gli attori in campo, come si può vedere da queste recensioni dei conti deposito con riferimento ai principali presenti attualmente sul mercato. Crolli che hanno reso meno conveniente lo strumento in sé, a meno che non sia associato ad altri: è il caso dei conti deposito abbinati ad un conto corrente, un connubio che se non porta certamente a grandi incassi in termini di rendimenti, può comunque essere una valida soluzione per andare a contenere le spese di mantenimento di gestione del conto corrente (conservando il potere di acquisto de denaro) che come noto sono piuttosto sostanziose.

In sostanza i conti deposito di oggi non sono più in grado di fornire rendimenti elevati come avveniva fino a qualche anno fa: chi vuole investire con quella prospettiva rischia di restare deluso. Tuttavia si parla di prodotti finanziari che possono comunque garantire di mettere al sicuro i propri risparmi e, quantomeno, di non vederli erosi sul un conto corrente ordinario da spese varie ed inflazione.

Foto di Tumisu da Pixabay

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: