Anestesisti rianimatori “accusa inaspettata”

Coronavirus: San Camillo, ‘lettera aperta degli anestesisti rianimatori a chi dileggia il loro lavoro e piega l’informazione alla strumentalizzazione politica’

“Gli anestesisti rianimatori dell’Azienda ospedaliera San Camillo Forlanini dell’Unità Operativa Shock e Trauma rigettano in toto le accuse loro rivolte in merito all’impiego sui pazienti di strumenti sporchi o infetti e rispondono alle accuse comparse su un quotidiano e raccolte in maniera totalmente acritica da alcuni social. È indubbio che il nostro ospedale – come tutti i nosocomi del nostro Paese – stia vivendo un momento particolarmente delicato della sua storia, ed è altrettanto innegabile che tutto il personale coinvolto nell’assistenza sia chiamato da giorni ad uno sforzo sovrumano per garantire assistenza sanitaria qualificata a tutti i pazienti, Covid e non. Tuttavia raccontare la stanchezza che questo carico di lavoro ci procura come elemento di causa di disinteresse ed incuria totale per il benessere dei malati, è qualcosa di assolutamente inaccettabile e falso.

Un’accusa che davvero non ci aspettavamo, da chi fino a ieri ci dedicava attenzione e paginate di giornali chiamandoci ‘eroi’

È a queste ‘penne facili‘ che piegano l’informazione a strumentalizzazioni lontane dalla ‘mission’ dei medici che ci rivolgiamo, dichiarando orgogliosamente che anche a fronte di tante difficoltà il paziente – inteso come persona e non come mero codice di accesso – è sempre il centro intorno al quale ruota tutta la nostra giornata lavorativa e che MAI nessuno di noi si macchierebbe di un gesto tanto ignobile nei confronti di chi potrebbe essere nostra madre, nostro fratello, nostro figlio.

A latere di questa vicenda poco decorosa che ci ha coinvolto nostro malgrado, a noi rimane la soddisfazione nell’incrociare lo sguardo grato di coloro a cui siamo riusciti a restituire un congiunto o di chi anche avendo patito una grande perdita ci ricorda con stima e affetto. A loro ed a chi in queste ore ci ha pubblicamente sostenuto e difeso va il nostro grazie, nella speranza che chi oggi ci denigra pubblicamente possa un giorno rendersi conto che non siamo nemici da combattere o abbattere mediaticamente ma alleati da difendere in una lotta che dovrebbe vederci tutti uniti”.

Gli anestesisti dello Shock e Trauma:

  • dottor Accardo,
  • dottoressa Basso,
  • dottoressa Bertoni,
  • dottoressa Broglio,
  • dottoressa Bucci,
  • dottoressa Ciarlone,
  • dottoressa Dominedò,
  • dottoressa Di Ottavio,
  • dottoressa Dionisi,
  • dottoressa Forcella,
  • dottoressa Gentile,
  • dottoressa Gori,
  • dottor Maresca,
  • dottoressa Martinotti,
  • dottor Mennella,
  • dottoressa Pani,
  • dottor Raselli,
  • dottoressa Riccardi,
  • dottoressa Rubino,
  • dottoressa Santangelo,
  • dottor Savignano,
  • dottoressa Scattoni,
  • dottor Sicilia,
  • dottoressa Siddi,
  • dottoressa Torrini,
  • dottoressa Verole.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: