Roma

Manca assessore per sozituire Ziantoni

In Municipio VI ancora senza assessore. Passato più di un mese dalle dimissioni della Ziantoni, considerando che il tempo rimasto per terminare la consiliatura ormai è uno scorcio.

Così in una nota il capogruppo del Partito Democratico in Municipio VI Fabrizio Compagnone. “Il nostro territorio, dove le scelte Politiche sbagliate ed inquietanti, per esempio, come i dietrofront sulla differenziata, hanno provocato uno sperpero di denari e risorse importante, non può essere ulteriormente martoriato. Sono pochissime e non soddisfacenti le risposte arrivate durante questa consiliatura dall’esecutivo territoriale. Ci auguriamo che l’assessorato venga al più presto riassegnato – dopo le dimissioni della Ziantoni ndr – anche perché il Presidente Romanella già dimostrando di non esser in grado di gestire le deleghe

Sono numerose le risposte che il territorio attende con atti concreti su le tematiche in questione. La Mobilità che oltre a questioni stradali di viabilità, da poco ha visto un piano di riorganizzazione del Traporto Pubblico Locale su gomma nel Versante Est con risultati del tutto insoddisfacenti e da rivedere. L’ambiente con i Parchi, la raccolta dei rifiuti, il verde pubblico in generale tra cui lo stradale. Il Patrimonio, infine, che vede ancora situazioni irrisolte, una su tutte, quella dell’ex Teatro Enaoli, per non parlare dell’Edilizia Residenziale Pubblica e lo stato in cui versa.

Per tutti questi motivi ci auguriamo che a strettissimo giro si nomini il nuovo assessore. I cittadini hanno il diritto di avere amministratori che esercitino la propria azione assumendo scelte e responsabilità politiche chiare, volte a migliorare la qualità della vita in modo diffuso.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!