Quanto alcol può bere una donna incinta?

La birra fa latte, il vino fa crescere il pupo forte e sano. Miti e leggende su alcol e gravidanza. Ma una donna incinta, può bere?

Non molto tempo fa avevamo parlato insieme alla giovane autrice Mariantonietta Firrinceli, autrice del libro Sbilanciati. Si trattava di un diario/racconto di una ragazza che condivideva con i lettori il suo problema di obesità e la difficoltà a seguire diete dimagranti. Era stato un punto di partenza interessante per approfondire insieme alcuni aspetti importanti dei problemi dell’alimentazione durante la fase dell’adolescenza. Ci sono altri momenti, in modo particolare nella vita di una donna, caratterizzati da un rapporto col cibo che si modifica.

Uno dei più importanti è senza dubbio la gravidanza.

La gravidanza è vissuta in modo differente da ogni donna, può essere più o meno serena, più o meno problematica ma di sicuro è un momento che per tutte comporta delle privazioni dal punto di vista degli alimenti che si possono assumere. Spesso i medici forniscono alle pazienti indicazioni precise sui cibi che possono mettere a rischio il loro benessere o quello del nascituro durante i 9 mesi di gestazione e anche, in seguito, durante l’eventuale allattamento. Un altro tasto dolente, un argomento molto dibattuto, è quello che riguarda le bevande alcoliche.

L’alcol fa male a una donna incinta?

L’assunzione di alcol da parte di una donna incinta comporta rischi seri per il feto. Le sostanze nocive presenti nelle bevande alcoliche consumate dalla madre attraversano senza filtri la placenta e raggiungono il sangue del feto. Le bevande più pericolose sono quelle superalcoliche ma è meglio evitare del tutto anche la birra. Tutt’ora non è stata individuata una quantità di alcol sicura da   assumere durante la gravidanza e i ginecologi spesso consigliano alle donne di evitare di bere alcolici anche quando si cerca una gravidanza. Altre bibite da assumere con parsimonia sono:

  • bevande gassate
  • succhi di frutta
  • caffè.

Per approfondire nel dettaglio questo argomento, leggete il mio articolo su CandyValentino.it e ascoltate l’episodio de Il Gusto con Candy Valentino sulla Webradio SenzaBarcode.

Foto di Wendy Corniquet da Pixabay

Candy Valentino

Dopo una lunga esperienza iniziata nel 2005 come addetto stampa e giornalista, in particolar modo come critico teatrale e musicale per quotidiani, riviste digitali e magazine online, inizia l’attività di blogger nel 2017 con CandyValentino.it. Mentre partecipa a press tour, blogger tour e viaggia in autonomia, racconta nei suoi articoli, video e post su Instagram (@candy_valentino) le regioni d’Italia e le loro due eccellenze, riconosciute in tutto il mondo: l’enogastronomia e la moda.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: