Nino Bozzi, Giornata mondiale del Libro

Si parla di testi, scrittori e lettura nella Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. Con Nino Bozzi, CTL Editore a promuovere letteratura, pubblicazione e concorsi letterari.

Oggi, giovedì 23 aprile, Sheyla Bobba ha intervistato, per Pyros, il fuoco della cultura sulla WebRadio SenzaBarcode, Nino Bozzi di CTL Editore. Si è festeggiato la ventiquattresima Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, evento patrocinato dall’UNESCO per porre un’attenzione particolare anche sulla proprietà intellettuale, attraverso il copyright.

Subito una piccola premessa è sul motivo del perché la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore sia il 23 aprile.

Giorno questo che ha segnato la nascita e la morte di tantissimi scrittori molto importanti, come ad esempio William Shakespeare che vi nacque nel 1564 e vi morì nel 1616. Miguel De Cervantes e Garcilaso Inca de la Vega pure morirono in tal giorno, sempre del 1616.

Sebbene prima si sia usato il calendario gregoriano e dopo quello giuliano, alla fine si è arrivati alla data 23 aprile, afferma Sheyla. Giornata significativa per ricordare la bellezza dei libri e della letteratura ed invogliare le persone a leggere dato il bisogno di imparare parole nuove, scoprire emozioni e luoghi inediti.

Leggere è indispensabile, soprattutto se si vuole scrivere

Nino Bozzi ha parlato del lavoro abbondante che stanno svolgendo, anche in questo periodo di lockdown, nella sua casa editrice. La buona qualità dei manoscritti che arrivano in valutazione si alterna a testi che vengono giudicati non pubblicabili.

“Se uno ha la passione della scrittura e vuole scrivere ci sono tantissimi corsi, online fra l’altro, che si possono fare. Suggerisco quindi i corsi di scrittura creativa, che sono utili specie se si padroneggia già la grammatica italiana. Li tengono bravissimi editor” continua l’editore.

Il primo incontro con CTL e Nino Bozzi è stato alla Fiera di Roma, quando SenzaBarcode ha presentato Rita Angeletti e il suo Rita CHEF. È disponibile l’intervista di Laura Mancini, nello spazio Il gusto con Candy Valentino nella WebRadio SenzaBarcode.

Online, gioie e dolori

Sheyla sottolinea i due volti, che fanno un po’ paura, del matrimonio tra internet e l’editoria. L’auto pubblicazione che, certo non da denigrare o demonizzare, talvolta apre la porta a cosa non andrebbe pubblicato. L’altro riguarda la problematica, che si fa sempre più pesante, del furto dei testi.

Nino Bozzi ha ben spiegato i temi del diritto d’autore e del copyright. A fondo pagina il player con l’intervista completa.

Si è ricordato anche il concorso promosso da CTL Editore e Nino Bozzi Editore che, tra gli altri, vede la collaborazione SenzaBarcode quale media partner: il 1° Premio Letteratura in Giallo – Gold Crime Carlo F. De Filippis 2020. Il termine ultimo per l’iscrizione è il 30 giugno 2020. Tutte le informazioni al link.

Nel concludere Bozzi ha ribadito, ad eco di Sheyla

“Il Coronavirus sta creando non pochi problemi all’economia italiana non solo in termini di punti di Pil, piuttosto riferendomi alle librerie e agli editori indipendenti ma mi auguro e non penso dovremmo prepararci alla chiusura di tutte le case editrici. Certo, quel che si sente dire nell’ambiente non è troppo incoraggiante. C’è appunto una grande casa editrice, che è perfino un grandissimo distributore che sta soffrendo incredibilmente e i suoi autori qualche inevitabile sorpresa l’avranno”.

In conclusione, a confermare la fantasia valorizzata dalla Bobba qual portentosa qualità di CTL Editore in questo anomalo tempo, Bozzi ha ammesso “Noi piccoli e medi editori abbiamo meno spese probabilmente e riusciamo a vivere e reinventarci. Cercare qualcosa di nuovo e di diverso aiuta. Soprattutto però è l’onestà e la serietà che maggiormente pagano. La mia Casa editrice non è la migliore, non ha la migliore distribuzione e non di meno chi si rivolge a noi sa che facciamo della correttezza il primo valore”.

Per maggiori informazioni e se avete buone idee da proporre si veda il sito ufficiale con il consiglio di leggere attentamente per capire bene cosa e come scrivere. Quale che sia la casa editrice e concorso a cui presentarsi.

“Non fate invii di materiale folli, perdendo tempo e facendo perdere tempo a chi deve gestire notevole mole di lavoro bensì fare mente locale sul letto e sul leggere libri belli, anzi “nice books” come dicono gli amici di Articoli Liberi” conclude Sheyla Bobba.

Giulia Quaranta Provenzano

GQP è nata l’11 luglio del 1989, ad Imperia. Terminato il Liceo Scientifico G.P. Vieusseux di Porto Maurizio IM, la giovane si iscrive all’UNIGE e nel 2011 consegue la Laurea triennale in Filosofia mentre nel 2014 quella magistrale in Metodologie Filosofiche. Appassionata e costantemente dedita già dall’età di 6 anni alla fotografia, Giulia nel 2018 inizia ad essere protagonista di mostre Collettive e Personali ed ottiene altresì il Diploma quale Critica di arti visive e letteraria. Prolifica poetessa, ha scritto inoltre alcuni brevi romanzi, racconti e saggi editi con il CEI, Aletti Editore, Pegasus Edition ed Articoli Liberi. È nel 2019 che l’entusiasta e vulcanica artista per vocazione e missione – consulente assicurativa invece per professione, intraprende un corso attoriale intensivo con il noto Giuseppe Morrone, punto zero grazie al quale finalmente accarezzata una più profonda e totale, inedita, consapevolezza in maieutico stupore. Per curiosità e domande, scrivere a giuliaqp@senzabarcode.it

One thought on “Nino Bozzi, Giornata mondiale del Libro

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: