Ri-organizziamo il tempo dei nostri ragazzi

In queste settimane di chiusura delle scuole per l’emergenza coronavirus, ci troviamo davanti alla necessità di ri-organizzare il tempo dei nostri ragazzi fragili e disabili.

Interrompere un’attività consolidata, infatti, è difficile per tutti se non adeguatamente gestita. È importante quindi dare attenzione alle priorità.

  • Non interrompere la routine giornaliera. Svegliarsi alla stessa ora di quando si va a scuola, fare colazione, lavarsi e vestirsi per cominciare una nuova giornata.Il ragazzo rimane così stimolato e attivo per intraprendere eventuali lezioni a distanza o attività alternative proposte dalla scuola. L’umore dei nostri ragazzi deve rimanere alto e l’attenzione verso l’obiettivo finale costante.
  • Godere del tempo libero che ci è concesso per rilassarsi e rallentare un pò i ritmi spiegando che quando la scuola riprenderà verrà richiesto a tutti un impegno importante e sicuramente stancante.
  • Assicurarsi che ci siano dei momenti di socializzazione. Anche se si riesce a proseguire il percorso didattico è importante che i nostri ragazzi mantengano delle abilità sociali. Andare a fare la spesa insieme, andare al parco con altri ragazzi, invitare a casa amici per guardare la televisione insieme. Le attività di socializzazione devono essere razionalizzate. Quindi non organizzate cinque uscite la prima settimana e nessuna la seconda. È meglio fare due uscite, magari a giorni alterni, ogni settimana. Questo ri-creerà una routine che per i nostri ragazzi è fondamentale.

Ascolta il mio podcast “Disabilità e benessere” ogni giovedì sera alle 21,00 sulla WebRadio SenzaBarcode oppure scarica il download da #spreaker e ascoltami quando vuoi.

Segui l’#noncera su Facebook, Instagram e Twitter.

Foto di Kevin Phillips da Pixabay

Emanuela Fatilli

Emanuela Fatilli nata a Busto Arsizio dove tutt'ora vive, nel 1973 é sposata e madre di due figli Giovanni e Giacomo. Lavora presso l'ospedale di Magenta dal 1996 in qualità di Tecnico di Radiologia. Ha pubblicato il suo primo libro, " La casa infestata che non c'era l'albergo aperto", nell'ottobre del 2018 per la casa editrice milanese "Excogita ". Da settembre 2019 collabora con la WebRadio SenzaBarcode come speaker e autore per il programma Disabilità e Benessere.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: