Sandro Ferrone, 30 anni festeggiati con corallo!

Sandro Ferrone, festeggia il trentesimo compleanno della boutique di via Nazionale con una collezione limited edition corallo.

“Una volta qui, a Piazza dell’Esedra, c’era il capolinea degli autobus che arrivavano dalla provincia” Sandro Ferrone ricorda così l’esordio della boutique in via Nazionale 20, a pochi passi da quella che adesso conosciamo come Piazza della Repubblica. Quella era la via dell’eleganza e le donne che scendevano da quei pullman la cercavano tra i modelli dello stilista.

Il negozio è stato aperto 30 anni, fa ma il lavoro era cominciato molto prima. Sandro Ferrone è uno di quei marchi che ha portato lo stile del made in Italy nel mondo, andando oltre la vestaglietta di Sofia Loren in La Ciociara. Allora come oggi era il corallo il colore della collezione, e oggi lo stilista ha dedicato un’intera linea a tutte le donne che negli anni lo hanno ispirato.

“Io amo le donne”

ci racconta Sandro Ferrone nell’intervista che trovate a fondo dell’articolo, La donna di oggi è diversa, dinamica, intraprendente, che vuole essere qualcosa ed ha le idee molto chiare anche in fatto di vestiti.

“Mi è venuta l’idea di rifare questo colore”  un arancione corallo “ perché mancava da tempo un colore così importante dentro gli armadi delle donne. È un colore che da lustro alla donna che si distingue in un momento tanto triste per l’Italia e per Roma che è un po’ malmessa. Questo è un colore che dà gioia”.

Riuscire ad accontentare le donne, cercando anche di anticipare i tempi e le loro esigenze, Sandro Ferrone è umile e sorride “ non sempre ci siamo riusciti”.  Ci racconta aneddoti che spiegano l’animo dell’artista.“Io sono un curioso, mi fermo, mi siedo e guardo come sono vestite le donne. Com’è successo a Shanghai dove mi sono fermato 4 ore in un posto dove vendevano frutta e verdura, per rendermi conto di che tipo di donna erano e come vestivano.”

Innovazione, fantasia, curiosità sono tra gli ingredienti che Sandro Ferrone ha utilizzato per costruire il suo successo. Disponibile fino alla metà di maggio in tutti i negozi d’Italia e dell’estero, e poi sul sito ufficiale, questa capsule collection in edizione limitata.

Abiti lunghi e plissettati, tessuti impalpabili. Tagli morbidi che lasciano la schiena scoperta. Velo su velo, tinta unita o micro pois. Colori e materiali che scivolano morbidi sulle curve del corpo, esaltando e camuffando dove necessario.

La nuova collezione di Sandro Ferrone e un omaggio ad ogni donna che lo ha ispirato in questi anni, e si vede in ogni cucitura.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: