IV Municipio delocalizza gli ambulanti

Municipio IV: sì alla delibera che delocalizza gli ambulanti da via Tiburtina a via Filippo Meda.

Cafarotti: “Prosegue il lavoro dell’Amministrazione per la sicurezza di operatori e cittadini, bene operato Municipio IV”. Giuliani: “Un successo nonostante gli ostacoli, risultati presto sotto gli occhi di tutti”.

Semaforo verde nel Municipio IV. La delibera stabilisce la delocalizzazione degli ambulanti da via Tiburtina a via Filippo Meda, in prossimità del posteggio attiguo all’omonimo mercato.

Entro il prossimo 26 aprile, le 12 postazioni, confluiranno così nell’area indicata, più idonea all’attività di vendita all’aperto e lontana da incroci stradali pericolosi. A tutela di cittadinanza, commercio e decoro.

“I miei complimenti al Municipio IV

che ha dimostrato di saper lavorare bene e con puntualità, risolvendo una situazione di grave criticità. Un atto dovuto ai cittadini, cui vengono restituite strade prima impraticabili, e agli operatori stessi, cui vengono destinati spazi adeguati alle rispettive attività” dichiara Carlo Cafarotti, Assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale.

“Abbiamo lavorato molto per portare a termine questo percorso, nonostante gli ostacoli incontrati in questi mesi. I posteggi di via Tiburtina non erano più conformi né al codice della strada, né al Piano Generale del Traffico Urbano, dato lo sviluppo territoriale degli ultimi anni. Ma il risultato è arrivato e sarà presto sotto gli occhi di tutti, con ricadute positive anche in termini di decoro e immagine della città.

Resta valida la nostra disponibilità al dialogo con gli operatori, e all’ascolto delle loro esigenze”, conclude Daniela Giuliani, Assessore al Commercio del Municipio IV.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: