Auditorium di Cornelia, dal 2003 ad oggi, milioni di euro in fumo

Auditorium di Cornelia, progetti, gare, parole e tanto fumo. 200 posti per concerti, musica e spettacoli al Municipio XIII che, forse, non ci saranno mia.

Il 30 novembre, per una scintilla partita accidentalmente mentre si stavano eseguendo dei lavori, prende fuoco il sottotetto dell’Auditorium di Cornelia, il rogo viene domato a fatica dai vigili del fuoco dopo diverse ore. Quindi a novembre 2016 viene posta la pietra tombale su un’opera costata oltre 2 milioni di euro, dove hanno investito tutti, dalla Provincia al Comune e finanche il Municipio. Il progetto però risale al 2003 e l’inizio dei lavori al 2005, il presidente dell’allora Municipio XVIII era Vincenzo Fratta (ex An) che impiegò ben due anni per indire la gara per l’assegnazione dei lavori.

14 anni per un’opera mai portata a termine e quindi mai consegnata ai cittadini, che oggi è un cumulo di macerie. Dormitorio per senzatetto, ritrovo per spacciatori e zona malfamata, nel 2011 una ragazza venne aggredita nell’area del cantiere che neppure era delimitato e recintato.

Quattro anni fa, aprile 2013, il minisindaco Daniele Giannini (Pdl), dichiaratamente contrario al progetto che ha ereditato, ipotizzava la fine dei lavori nel dicembre dello stesso anno.

Il, 5 maggio 2017, 5 mesi dopo l’incendio, il presidente della commissione trasparenza del Municipio XIII, Marco Giovagnorio, accende i riflettori sull’Auditorium di Cornelia e scrive su Facebook:

“Oggi in commissione trasparenza, abbiamo appreso che il M5S non è riuscito, in 5 mesi, neanche a quantificare il danno prodotto dall’incendio dello scorso novembre. Quando l’incompetenza è dannosa per tutti”.

Incontriamo Isabel Giorgi, eletta nelle file del M5S e recentemente passata a FdI.

La responsabilità dell’incendio di chi è?

“Per quanto riguarda la responsabilità dell’incendio, durante i lavori dovrebbe esserci stato un errore tecnico che ha causato il danno, è anche vero che la parte politica del Municipio ha una responsabilità marginale in questa vicenda però io credo che un buon amministratore dovrebbe verificare gli appalti e i lavori che si eseguono sul posto”.

Esiste un’assicurazione che provvederà a risarcire i danni?

“Si esiste, Assicurazioni di Roma, un’associazione di Roma Capitale”.

Perché il M5S non è stato in grado di quantificare quantificare il danno?

“La causa è la loro inesperienza che porta ad un rallentamento nelle procedure amministrative. Sono certa che altri partiti avrebbero gestito meglio la situazione”.

I cittadini potranno mai realmente usare l’Auditorium di Cornelia?

“Questo lo auspichiamo tutti, ma ad oggi risulta impossibile fare alcuna programmazione in merito viste le circostanze”.

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: