Tassisti, Ncc ed ambulanti contro il Governo. “Tutti a casa”

No alla Bolkestein e no al Milleproroghe. Due proteste in una stamattina a piazza Montecitorio. Tassisti, Ncc e ambulanti uniti insieme a gridare “tutti a casa”.

Invito rivolto al Governo Gentiloni e a misure legislative reputate dannose per il proseguimento delle attività di commercianti e taxi. Esponenti di categoria provenienti per lo più da Napoli, Milano, Bologna e Roma si sono uniti in un’unica voce dopo i disordini delle ultime settimane.

Tassisti ed Ncc attaccano

Dopo gli stop al servizio dei giorni scorsi, chiedono la regolarizzazione di quanti già operano nella legalità, con autorizzazioni e pagando le tasse, e la messa al bando degli irregolari. Il tutto mentre l’app di noleggio di auto con conducente Uber – ad oggi favorita da questa situazione di squilibrio – miete le prime “vittime” imponendo costi da capogiro: a Roma pare siano arrivati a chiedere quasi 150 euro per una corsa dal centro città all’aeroporto di Fiumicino, a fronte dei 48 euro previsti dal servizio Taxi.

È andata molto peggio a Milano: quasi 500 euro per spostarsi dal centro della città a Malpensa.

Marco Ottaviani

Giornalista, classe '78, svolge la professione da quasi vent'anni. Impegnato tra comunicazione politica ed istituzionale, nonché in alcuni ambiti dello sport, svolge numerose consulenze per aziende, enti pubblici e privati, associazioni di categoria.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: