Corso formazione social media marketing per soli immigrati

Corso formazione social media marketing per soli immigrati pagato dalla Regione Lazio. Fabrizio Santori “assurda offerta formativa”.

“La Regione Lazio paga agli immigrati un corso formazione gratuito in Social media marketing e dà loro quasi 700 euro di indennità di frequenza. È l’assurda offerta formativa in cui ci siamo imbattuti tra i progetti promossi dall’amministrazione Zingaretti, che evidentemente ha talmente a cuore la sorte e la preparazione degli immigrati da dedicare loro un bel corso professionalizzante attraverso un ente regionale accreditato.

Non solo, per il ‘disturbo’ pagherà ben 693 euro a ciascun partecipante sotto forma di indennità

Il corso, si legge sul sito internet dell’ente, si sviluppa in 6 ore di orientamento, 200 ore in aula, 200 ore di stage e 15 ore di accompagnamento al lavoro, ed è rivolto a 18 ‘immigrati occupati e disoccupati con o senza pregresse esperienze aziendali o proprietari di esercizi commerciali o attività autonome con una forte motivazione e attitudine verso il web marketing e i suoi strumenti’ ‘al fine di aumentare autonomia ed efficacia dei propri interessi professionali e delle proprie attività’ .

Troviamo sconcertante e offensivo verso i tanti italiani in cerca di un lavoro o di una propria specializzazione che la Regione Lazio pensi alla formazione degli immigrati dedicando loro addirittura un corso esclusivo, e pagandoli perfino per il disturbo. Ci sono migliaia di nostri concittadini che non riescono a ricollocarsi nel mondo del lavoro perché sono stati licenziati o non hanno avuto modo di aggiornare le proprie conoscenze restando esclusi dal mercato, e ai quali un corso sul mondo digitale e sui social network farebbe decisamente più comodo, aprendo nuove opportunità occupazionali. Zingaretti invece preferisce dedicarsi agli immigrati, inaugurando in questo modo quel razzismo al contrario per cui se sei italiano devi essere svantaggiato”.

È quanto dichiarano Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia, e Souad Sbai, responsabile nazionale immigrazione , integrazione e sicurezza Noi con Salvini.

Sostieni SenzaBarcode con una donazione!
La nostra associazione, il sito e la webradio sono totalmente autofinanziati.
Scegli il progetto che preferisci e diventa SenzaBarcode

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: