GDO, On. Fabrizio di Stefano: Governo dalla parte dei più forti

Liberalizzazioni GDO, On. Fabrizio di Stefano:  la sinistra italiana e il Pd sono diventati i portabandiera del più ceco libero mercato.

“La risposta di Scalfarotto al mio question time solo una cosa chiarisce, ossia, che la sinistra italiana e il Pd sono diventati i portabandiera del più ceco libero mercato, che tutto fa tranne che essere a difesa dei cittadini e dei piccoli imprenditori che sono la forza del nostro Paese” sono le parole dell’on. Fabrizio di Stefano a seguito della risposta, del Sottosegretario Scalfarotto,  al question time presentato in Commissione Attività Produttive, in merito alla questione della GDO  e le liberalizzazioni commerciali che stanno mettendo in grande difficoltà i piccoli e medi commercianti italiani.

Desertificazione dei centri storici

“Come ho ribadito, nel mio question time, l’apertura indiscriminata di nuovi insediamenti commerciali soprattutto di grandi dimensioni sta provocando in alcune zone d’Italia degli squilibri e delle anomalie nel tessuto commerciale nazionale, che in molti casi, sta portando alla desertificazione dei centri storici. Probabilmente il Governo non si è accorto di tutto ciò e  continua  a trovare giustificazioni. Stando a quanto detto da Scalfarotto le ragioni sarebbero dettate dalla crisi e dalla crescita del commercio elettronico. Ipotesi queste che fanno comprendere il pressappochismo del Governo e del Sottosegretario che se avessero solo letto con più attenzione  il rapporto elaborato dall’Ufficio Studi Confcommercio Chieti sui dati forniti dall’Osservatorio Nazionale sul Commercio del MISE, si sarebbero accorti di come questo fenomeno di aperture indiscriminate stia arricchendo pochissimi a discapito degli tanti, commercianti e cittadini” conclude Di Stefano.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: