Reddito minimo Sinistra Italiana- Sel Regione Lazio

Reddito minimo, Bianchi, De Paolis, Bonafoni “ripartire dalla legge regionale esistente valutare se vi sono, strumenti utili da valorizzare”.

Il gruppo di Sinistra Italiana- Sel alla Regione Lazio riparte dall’analisi di quanto prodotto dalla legge sul reddito minimo della Regione Lazio che nel 2009 ha rappresentato una passo coraggioso verso il sostegno a coloro che sono più esposti alla crisi economica. Abbiamo intenzione di avviare in primo luogo uno studio sul valore della norma e su quanto accaduto nel 2009 in termini di ricadute materiali della legge sul tessuto sociale del Lazio. L’obiettivo è provare a rilanciare il provvedimento oggi, alla luce di una situazione occupazionale che, seppur in leggero miglioramento, resta drammatica soprattutto sui territori più periferici.

“Un lavoro – spiega la Consigliera Daniela Bianchi, promotrice dell’iniziativa- che intendiamo mettere a disposizione del governo Zingaretti, per ragionare sul piano del welfare e delle misure atte a dare sostegno alle tante realtà in crisi. Basta osservare quante difficoltà sono vissute in territori come quello della Provincia di Frosinone, che meglio conosco e da cui provengo, per sentire l’esigenza di mettere in campo tutte le forme necessarie a rendere le Istituzioni protagoniste e non lasciare nessuno da solo.”

La Regione in questi anni ha rafforzato le politiche attive del lavoro, costruendo percorsi formativi e di riqualificazione professionale per disoccupati, inoccupati, precari che perdono il lavoro. Accanto a questo- concludono i consiglieri- occorre valutare se vi sono, tra le esperienze di questa amministrazione, strumenti utili da valorizzare. Il Lazio cambia anche in questo modo.”

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: