Ebola, scoppia l’allarme pandemia: verrà colpita anche l’Europa?

Il virus dell’Ebola sta registrando un numero di vittime senza precedenti in Africa, e dal Regno Unito arriva l’allarme: allarmismo o timore concreto?

L’allarme in Africa è serio: il virus dell’Ebola sta registrando un numero di vittime senza precedenti, soprattutto in paesi come la Guinea e la Liberia, con l’epidemia che si sta diffondendo a macchia d’olio in tutta l’Africa occidentale, rischiando di colpire anche altri paesi. Come evidenziato dal direttore delle operazioni di Medici Senza Frontiere, Bart Janssens, la situazione è seria e va monitorata con estrema attenzione:

Questa epidemia è senza precedenti, assolutamente fuori controllo e la situazione non fa che peggiorare, per cui si sta nuovamente estendendo, soprattutto in Liberia e Sierra Leone, con focolai molto importanti. Se la situazione non migliora abbastanza rapidamente, c’è il rischio reale di vedere nuovi paesi colpiti non si può escludere, ma è difficile da prevedere, perché non abbiamo mai visto una tale epidemia.

Dall’inizio di quest’anno ad oggi l’Ebola ha infatti provocato il decesso di 672 persone su 1201 casi accertati, con la diffusione della malattia sempre più persistente. Come se non bastasse, in seguito ad un volo per Parigi proveniente dalla Nigeria è stato registrato un caso sospetto, caso che ha fatto scattare definitivamente l’allarme.

Il ministro degli esteri britannico Philip Hammond ha infatti dichiarato alla BBC che il virus dell’Ebola rappresenta una seria minaccia per il Regno Unito, anticipando che nelle prossime ore il primo ministro britannico David Cameron terrà un meeting d’urgenza per poter fronteggiare al meglio la situazione. Visto l’elevato tasso di mortalità della malattia (dal 50% all’86%), le preoccupazioni sembrano più che legittime, ma in tanti parlano di inutili allarmismi. Qual è la verità?

Nonostante l’epidemia di Ebola che si sta verificando in questi mesi rappresenti la “più grave di sempre” in Africa, i pericoli sembrano ancora lontani dal nostro continente. In una nota della Commissione Europea si legge infatti che, allo stato attuale, l’infezione non sta coinvolgendo l’Europa:

Il rischio che il virus Ebola si diffonda in Europa è al momento basso perché la maggior parte dei casi sono in aree remote dei paesi colpiti.

Niente allarmismi, quindi, ma massima allerta: i medici, allo stato attuale, non hanno ancora trovato una cura efficace per fermare il virus; se si considera anche il caso di Kent Brantly, giovane medico statunitense colpito dal virus in Liberia ed ora in gravi condizioni, la situazione non può essere assolutamente sottovalutata.

Giuseppe Senese

Sono un laureando in Scienze e Tecnologie Informatiche, che nutre anche numerose passioni come la musica, il cinema e il calcio. Adoro il Rock Progressivo degli anni 70' (soprattutto quello britannico e quello italiano) e sono un tifoso sfegatato del Napoli.

2 pensieri riguardo “Ebola, scoppia l’allarme pandemia: verrà colpita anche l’Europa?

  • 5 Agosto 2014 in 11:24
    Permalink

    Anche noi di SenzaBarcode, come avrai potuto leggere dal nostro articolo, abbiamo cercato di “calmare le acque”, evitando di creare allarmismi. L’allarme comunque in Africa c’è, e la situazione va monitorata adeguatamente, vista la pericolosità della malattia.

  • 5 Agosto 2014 in 10:20
    Permalink

    sono tornata da circa due settimane dalla liberia e posso affermare che ho visto migliaia e migliaia di persone stare benissimo e non ho riscontrato nessun all armismo sia nel paese sia negli aeroporti,riguardo a me mai stata cosi’bene ,e’un paese splendido e tutti questi allarmismi mi sembrano propio eccessivi.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: