Cronaca

LUPE Roma pronti a manifestare se Marino non ascolta

L’organizzazione  LUPE Roma invita gli iscritti a manifestare il 28 Febbraio per difendere il futuro delle aziende della somministrazione, per la sopravvivenza del nostro posto di lavoro messo a rischio da questa amministrazione.

Il volantino della manifestazione è scaricabile qui: LUPE Roma, manifestazione 28.02.2014. Ora LUPE Roma chiede un incontro col sindaco Ignazio Marino – esattamente come continuano a chiedere i sindacati sul tema del Teatro dell’Opera – e all’assessore Lenori, prima della discesa in piazza. Fabio Mina, Presidente LUPE Roma, dichiara:

Torniamo a ribadire che la nostra discesa in piazza non è un’azione politica ma una presa d’atto della mancata volontà da parte dell’Amministrazione di trovare una soluzione alla questione dei tagli ai tavolini all’aperto. Chiediamo la sospensiva dei pmo per sei mesi e, contemporaneamente, la possibilità di portare al tavolo di confronto le nostre proposte, che non sono quelle di abolire i piani di massima occupabilità ma di rivederli tenendo in considerazione il mutato clima sociale ed economico dal 2003 ad oggi. E’ vero che alcuni incontri ci sono stati, ma la posizione del Campidoglio è sempre stata quella di dire “i piani ci sono e non si toccano, semmai evidenziateci alcune criticità”. Ma quali criticità dovremmo evidenziare? Che senza tavoli un locale chiude?

L’Amministrazione si è per caso posta il problema del valore economico di un tavolino all’aperto per un esercizio in centro storico, dove i turisti vengono per sedersi fuori e non per stare all’interno? Si è chiesta, per caso, quanto questi tavolini danno al turismo in termini di attrattività e godibilità delle bellezze di Roma? E chi l’ha detto che decoro e fruibilità dei monumenti non possano andare d’accordo con le legittime esigenze di chi fa impresa? Di tutto questo e di più vorremmo discutere con l’Amministrazione ma ci è stato finora impedito. In piazza ci andiamo perché gli esercenti sono stanchi di sentirsi considerati un problema per la città e non una risorsa. Invitiamo le altre associazioni di categoria ad unirsi a tutte quelle che hanno già aderito alla manifestazione di venerdì, perché il diritto al lavoro e alla libertà d’impresa sono valori condivisi che vanno difesi da tutti, senza alcun distinguo.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

4 pensieri riguardo “LUPE Roma pronti a manifestare se Marino non ascolta

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!