Dibattito e confronto. Scienza, libertà di ricerca e conoscenza scientifica

“Le ragioni della scienza e della libertà di ricerca, le risposte (mancate) della politica e dei media, la necessità di assicurare una corretta informazione e conoscenza scientifica”.

libertà ricerca

Camera dei Deputati, Nuova Aula del Palazzo dei Gruppi parlamentari, Roma, Via Campo Marzio 74. 5 dicembre 2013 h.11 – 14.

Introduce l’On. Maria Antonietta Farina Coscioni, già Segretario della Commissione Affari Sociali della XVI legislatura.

Interverranno

 Dott. Gianni Betto (Direttore Centro di Ascolto dell’informazione radio-televisiva); Prof. Roberto Caminiti (Professore di Fisiologia della Università Sapienza di Roma e Presidente del Comitato per l’uso degli animali della Federazione delle Società Europee di Neuroscienze (FENS-CARE); Dott. Marco Cerrone (Sociologo della Comunicazione, Founder Piano Alto); Sen. Emilia De Biasi (Presidente Commissione Igiene e Sanità del Senato); Dott.sa Simonetta Di Pillo (Giornalista Tg5 Mediaset); On. Mariastella Gelmini (Componente della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radio-televisivi, già Ministro dell’Università e della Ricerca); Dott. Luca Landò (Direttore del quotidiano “L’Unità”); Prof. Mario Morcellini (Direttore del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale, Università Sapienza di Roma); Prof. Piergiorgio Strata, (Professor Emerito di Fisiologia Università di Torino).

 Coordina i lavori

 Valter Vecellio, Giornalista Tg2 RAI.

Nel corso del convegno è previsto l’intervento dell’On. Marco Pannella.

N:B: Per l’accredito, occorre inviare una mail entro martedì 3 dicembre p.v. con il proprio nome e cognome all’indirizzo: ma.farinacoscioni@gmail.com o chiamare il numero 339.4477700. Per gli uomini è obbligatoria la giacca.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: